Home Cronaca La scuola si apre al territorio: esperienze della società civile

La scuola si apre al territorio: esperienze della società civile

347
0
SHARE

Napoli – Una settimana di didattica extracurricolare, classi aperte, interventi della società civile, fuori dagli schemi quotidiani: questo il “regalo” natalizio per gli studenti del liceo “Caro”, che potranno scegliere fra educazione alla legalità, educazione ambientale, contrasto al cyberbullismo, orientamento per le facoltà universitarie di medicina, economia, ingegneria, valori dello sport. La scuola infatti, per far fronte ai rapidi e imprevedibili cambiamenti della società nella cultura, nella scienza e nella tecnologia, deve fare in modo che le giovani generazioni sviluppino competenze spendibili nella vita reale. Si parla di una dimensione della persona che, di fronte a situazioni e problemi, mette in gioco ciò che sa e ciò che sa fare, ciò che lo appassiona e ciò che vuole realizzare. Il tutto al servizio della costruzione di una società migliore, seguendo la direzione indicata dai valori della Carta costituzionale.

Il tema sportivo, che concluderà una settimana di riflessione su esperienze concrete, presentate da esperti dei diversi settori, si presta particolarmente a questo interscambio fondamentale tra scuola e vita.

Campioni si nasce o si diventa? C’è un parallelo fra il vincere nello sport e l’eccellere nella vita? Si può imparare qualcosa da chi è riuscito a realizzare grandi imprese nella sua disciplina sportiva e trasferire questo modello  per poter raggiungere i propri obiettivi nei vari campi professionali come nella vita privata? Giovedì 21 dicembre si ragionerà sul  tema “Sport, agonismo, valori, successo: campioni dello sport per la scuola”, interpellando una serie di personaggi di successo del mondo dello sport:  dopo il saluto della Preside, prof. Liana Nunziata, organizzatrice degli incontri, e l’intervento dell’Assessore allo Sport del Comune di Napoli, dott. Ciro Borriello, racconteranno le loro storie e le loro esperienze di successi fondati sui valori della competizione leale Sandro Cuomo, Direttore Tecnico della Nazionale di Spada, Oro Olimpico Atlanta 1996, Valerio Cuomo, vincitore per la scherma della Coppa del Mondo Under 20 nel 2017, Medaglia d’Argento ai mondiali 2016 e 2017, Medaglia d’Oro a squadre 2016 e 2017, i pallanuotisti Fabrizio Buonocore, Olimpiadi Atene 2004, Pechino 2008, Luigi Di Costanzo, Olimpiadi Pechino 2008, Alessandro Velotto, Campione del Mondo con la Nazionale 2012 e 2013, Bronzo Europei 2014, Campione d’Italia Under 20 con la Canottieri 2014 e 2015, Bronzo con il Settebello Olimpiadi Rio 2016, Giuseppe Esposito, Presidente della Cesport Italia, che milita in serie A2; Raffaele De Salsi, Delegato di Napoli per la Federazione Italiana Nuoto; Vincenzo Boni, nuoto paralimpico, Argento Glasgow 2015, Bronzo Rio de Janeiro 2016; Gianni Maddaloni, Presidente Star Judo Club di Napoli di Scampia, cui appartiene Pino Maddaloni, Oro Olimpico Sydney 2000, società che promuove la propria attività per la costruzione di una società civile attraverso lo sport, la cultura e la legalità in uno dei luoghi simbolo della legalità nella città di Napoli: il quartiere di Scampia.

Un parterre di campioni, insomma, che ricreerà per un giorno una piccola Olimpia nella scuola di via Manzoni.

 

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.