Home Cronaca Finale Coppa Italia, tifoso del Napoli sparato. Fermato ultras della Roma

Finale Coppa Italia, tifoso del Napoli sparato. Fermato ultras della Roma

915
SHARE
Gennaro, il capo ultra' della curva A del San Paolo di Napoli, seduto sopra la cancellata della Curva Nord prima della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli allo stadio Olimpico di Roma, 03 maggio 2014. ANSA/ETTORE FERRARI

Una finale da incubo quella tra Napoli e Fiorentina iniziata solo dopo 45 minuti di trattative tra capi ultrà e capitani delle due formazioni. Dopo un interminabile attesa il capo ultrà della tifoseria partenopea Gennaro De Tommaso meglio conosciuto come “Genny la Carogna” concorda con la questura e il capitano del Napoli Marek Hamsik di dare il via al match per evitare altre tensioni. Poche ore prima fuori dallo stadio Olimpico di Roma è avvenuto quello che al momento sembra essere un tentato omicidio da parte di un capo ultrà della Roma ovvero Daniele De Santis,che avrebbe esploso alcuni colpi di arma da fuoco contro i supporter Napoletani. Si chiama Ciro Esposito ed ha 30 anni il giovane tifoso Napoletano colpito da un proiettile che è entrato dal torace e arrivato alla colonna vertebrale. Operato in serata è stato trasferito all’ospedale Gemelli.

Il primo commento è stato quello di Pietro Grasso, presidente del Senato: “Sto andando all’Olimpico per premiare Fiorentina-Napoli. Scontri con feriti gravi. Questi non sono tifosi ma solo delinquenti!“. E ha aggiunto arrivando allo stadio: “Una partita di calcio non si può trasformare in una guerra tra bande.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.