Home Cronaca EXPO': SCOPERTE ALTRE INFILTRAZIONI MAFIOSE NEI CANTIERI

EXPO': SCOPERTE ALTRE INFILTRAZIONI MAFIOSE NEI CANTIERI

1545
SHARE

MILANO – Un’azienda su otto è collusa.Trapelano voci di corridoio sulle condizioni delle aziende e a rivelarlo sarebbero gli avvocati penalisti che curano gli affari legali delle suddette aziende. Il lavoro è compromesso dal fatto che almeno uno dei soci è pregiudicato e quindi si ha difficoltà a proseguire nelle attività svolte finora. L’Expò di Milano è divenuto il capro espiatorio alla lotta contro la mafia diffusasi lentamente, ma radicalmente nei territori del Nord. Dalle targhe clonate per mascherare i subappalti illegali ai legami familiari con i boss, i documenti riservati della prefettura di Milano mostrano come i clan abbiano preso il controllo delle ditte in apparenza “pulite”. Il quotidiano “Repubblica” ha potuto osservare alcuni documenti riservati ed ha tratto cinque episodi sufficienti a raccontare un “sistema”. Gli esempi più eclatanti sono dati da codeste vicende, l’impresa di costruzioni entrata nella White List delle aziende affidabili per i cantieri Expò che è finita out perché mandava sul cantiere della Tangenziale est esterna auto, camion e ruspe con le targhe clonate. L’espediente utilizzato era quello di apporre le proprie targhe autorizzate, su mezzi non autorizzati e guidati dai dipendenti delle aziende già cacciate. L’altro caso è relativo alla titolare di un’azienda, moglie di un detenuto esperto nel traffico internazionale di stupefacenti che aveva ugualmente le carte per la liberatoria antimafia o ancora un’altra azienda che assumeva operai provenienti solo da un piccolo paese in provincia di Crotone, il fatto in sé fa evincere il chiaro legame con la malavita del luogo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.