Home News Presentata la campagna abbonamenti al Teatro Cilea. Grande partecipazione per accogliere Il...

Presentata la campagna abbonamenti al Teatro Cilea. Grande partecipazione per accogliere Il direttore Biagio Izzo e gli artisti che hanno creduto nel suo progetto.

1092
0
SHARE

NAPOLI – È Biagio Izzo il  nuovo   direttore artistico del Teatro Cilea, che per la prossima stagione presenta un cartellone d’eccezione con spettacoli di respiro nazionale.  Venti gli appuntamenti  in tutto, tra quelli in abbonamento  e non. La Stagione del Cilea prende il via il  29 di ottobre con lo  spettacolo di Sal da Vinci, “Se amore è. Revolution”, in  una veste nuova,  a seguire sarà la volta dei fratelli Gallo in “ E’ tutta una farsa” ( dal 12 novembre), Francesco Pannofino con “ I suoceri Albanesi…” ( dal 26 di novembre), Ettore BassiGaia De LaurentiisEleonora IvoneGiorgio  Borghetti con “ L’amore migliora la vita” (dal 3 dicembre), sotto l’albero di natale troviamo Biagio Izzo in “ L’amico del cuore”, di vincenzo Salemme (dal 15 dicembre), Enrico Guarneri in “ Il paraninfo” ( dal 7 gennaio), Roberto CiufoliLeonardo Matera e Michela Andreozzi in “ Forbici&Follia” (dal 14 gennaio),  Michele Placido in “ Serata d’Onore” ( dal 21 gennaio), Simona Izzo e Ricky Tognazzi in “ Figli, mariti e amanti…” (dal 28 gennaio), I ditelo voi con “ Horror Commedy” ( dal 4 febbraio), e ancora in musica e prosa Nino D’angelo in “Io, senza giacca e cravatta” ( dal 18 febbraio), Ale e Franz con “ Tanti lati- latitanti” (dal 10 marzo), Virginia Raffaele in “ Performance” (dal 17 marzo),  Corrado TedeschiTosca D’AquinoEmanuele Salce con “ Quel pomeriggio di un giorno da…star!! ( dal 31 marzo), Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli in “ Ancora?” ( dal 7 aprile), Maria Bolignano e Maurizio Aiello in “ tutti per uno, uno per Titty” (dal 14 aprile) e a concludere  il cartellone sarà Laura Freddi e Lucio Pierri con “ Stressati…ancora di più “ (dal 28 aprile).  Tre invece gli eventi  fuori abbonamento:  il grande Gigi Proietti, l’esilarante Alessandro Siani e l’inimitabile Gigi Finizio, con il quale sarà possibile passare la notte di capodanno, con un imperdibile concerto.  Per quest’anno sono tantissime le novità legate al Teatro, che diventa un “concept” con un’anima più forte, grazie al nuovo direttore artistico, Biagio Izzo. Il Teatro Cilea diventa luogo dove far nascere e coltivare idee, dove dare sfogo a bisogni artistici e laboratorio di arti, dove accogliere grandi attori italiani, e dove scoprire gli  emergenti. Il Teatro Cilea, inoltre, da quest’anno diventa anche scuola. Il palcoscenico appartiene a varie arti, come la  danza e la  musica e così, il progetto targato Cilea, si arricchisce al momento anche di laboratori artistici: uno dedicato alla danza con Elisabetta Persia, uno alla musica, Maurizio Bosnia ed un terzo alla recitazione con Lucio Allocca e Corrado Taranto. “ Infatti il Cilea – spiega Biagio Izzo-  diventa un progetto più ampio con  una doppia vita: di “Accademia dello spettacolo” e di teatro da platea. Sarà, così, un palcoscenico da applaudire per il nostro pubblico,  ma anche una palestra ideale per i nostri allievi. Inoltre il cartellone di quest’anno è trasversale e abbraccia un pubblico che non ha età, ma che ha solo il desiderio di vedere del buon teatro con lo stesso piacere di uscire una sera a cena con amici”. “ Dieci anni per ritornare al mio primo amore, il Teatro Cilea- conclude Izzo- che mi ha visto nascere come attore e che mi vede ritornare come suo direttore artistico.  Ho calcato tanti, tantissimi palcoscenici, lungo tutto lo Stivale, ma esibirsi nella propria città è sempre più emozionante, è come esibirsi a casa, con gli amici di sempre. Quando ho deciso di tuffarmi in questa nuova avventura ho subito pensato che avrei voluto gestire il teatro con lo stesso affetto e attenzione con i quali aprirei le porte di  casa mia”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.