Home Cultura Il sentiero delle Muse

Il sentiero delle Muse

1167
SHARE

 

Dietro un apparente calma è un tumulto interiore, è Gabriella Tomasino, classe  ’62,  lavora al Ministero dell’interno, originaria di Napoli,  vive da quasi vent’anni a Verona ,  ma non rinuncia alla sua terra,  appena puo fa ritorno dai suoi parenti, e a Pozzuoli luogo di indimenticabili estati.

Radici  che assorbono nel presente, e l’attaccamento traspare  nelle sue liriche in vernacolo come al  4° concorso  internazionale letterario di Roccarainola “Diciamolo con la poesia” di recente  premiata, con la poesia   “Comme ‘o mare”. Con la seguente motivazione: Il mare diventa canovaccio dove poter comunicare  i suoi sentimenti. e si realizzano in versi stati d’animo.

Spiega l’autrice:  tutto ispira chi scrive, scrivo di pancia,  l’amore  è il motore da romantica.  Qualcuno mi imputa di scrivere in maniera arcaica  ma   la  lingua napoletana spesso  non conosce traduzioni nella stessa luce di quella in italiano, impulsi e stati d’animo possono essere trasmessi solo nella purezza dei versi in napoletano, anche se difficili da trascrivere.

Dal 1998 scrive  nella rubrica poesia su una testata online di Roma  www.attualita.it  .I  suoi testi lirici sono anche in un’antologia “Il Sentiero dell Muse” edizioni Rupi Mutevole e visibili sulla sua pagina di facebook: Quando si curva sui pensieri.

In attesa di un altro riconoscimento al concorso internazionale  “Il molinello”  in provincia di Siena, per una poesia in italiano, non possiamo  augurarle anocra tanti meritati riconoscimenti  con elaborati su Napoli e della sua anima graffiante, cosi pacata e vera, cosi  eterea e ardente di passione, scevra da pleonismi.

in basso la poesia  che ha ricevuto due premi recentemente.

Comme ‘o mare

Cumm’ è niro ‘stu mare chesta sera,

me pare assaje cujeto,

nu raggio argiento l’accarezza e stu spettacolo annanze a mme

fa sta zitta ll’anema.

Me scippa ll’uocchie ‘a luce ‘e chesta luna ca veco ‘n coppa, ‘n cielo,

chieno ‘e tante stelle.

Io cammino ‘n coppa ‘a riviera e vveco ‘e vvarche d’e piscature

chiene ‘e rezze chesta sera,

pare dormono cujete ‘n coppa a ll’acqua.

St’aria càvera è ‘na carezza ‘n copp’a faccia ca me sconceca stu core,

pare ‘na voce ca sento,

comma vulesse parla’ stu viento.

Vularrìa sèntere overo ‘e pparole d’o viento,

ca saccio ammiscate e sperdute pè ll’aria.

Suspirano appriesso a mme,

ca parlo ’e pparole d’a notte,

ca so ddoce e so amare. ‘

E penzo tutte e juorne: so’ pparole d’o core,

quanno penzo a tte

 

Gabriella Romano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.