Home Cultura La notte dei tributi nel ricordo di “Antonio Landieri”

La notte dei tributi nel ricordo di “Antonio Landieri”

1307
SHARE

Napoli – Mercoledì 24 febbraio all’auditorium si Scampa ospiterà la notte dei tributi per ricordare Antonio Landieri giovane vittima innocente della camorra.Così lo sportello Anti-camorra che porta il nome di Antonio Landieri presenta una lunga notte in musica che si terrà negli spazi dell’Auditorium di Scampia, nasce con lo spirito e la voglia di restituire dignità a chi si è visto strappare un proprio caro in modo violento e improvviso da quella che è purtroppo la piovra del nostro Paese, la criminalità organizzata. Antonio è purtroppo una delle tante vittime innocenti della camorra, ucciso il 6 novembre del 2004 perché scambiato per uno spacciatore; a lui è intitolato lo sportello anti-camorra all’interno della sede dell’VIII Municipalità di Napoli, fortemente voluto dal Presidente Angelo Pisani. Lo scopo dell’evento è quello di far conoscere a tutte le persone questa grande realtà, facendogli capire che è possibile denunciare i soprusi della camorra, che è possibile cercare di vivere una vita senza questa brutta realtà, che è possibile avere un’esistenza libera e sconfiggerla. La serata, condotta dalla giornalista televisiva Katia Vitale, è una sorta di reunion delle migliori cover-band e tribute-band della città. Ideata da Stefania Landieri e Luigi Concilio. Nel corso della serata, oltre alla musica-live, verranno consegnati alcuni riconoscimenti per i musicisti che, attraverso le loro note, professano pace e legalità, dando speranza a chi li segue. Insieme a Landieri e Concilio, anime dell’organizzazione, saranno coinvolti Domingo Colasurdo, batterista e ingegnere del suono del Teatro San Carlo di Napoli e Marco Gargiulo, attivissimo gestore di locali dedicati alla musica dal vivo nel by night partenopeo. Nel corso della serata, sarà dato anche spazio alla consegna di alcuni riconoscimenti culturali, denominati “Premio Sportello Anti-camorra Antonio Landieri”, che saranno assegnati a personaggi appartenenti al mondo della musica e della cultura, per essersi distinti nel loro ambito.

Il Premio speciale “Napoletano Doc” andrà al cantautore Antonio De Carmine per la passione e l’amore che ha per la città di Napoli e che mette in ogni sua composizione. Graditissime ospiti anche la cantautrice toscana trapiantata a Napoli Lisa Starnini, e la cantante N’Jee Marolda.

Il Premio Sportello Anti-camorra Antonio Landieri per il Giornalismo Musicale andrà a Michelangelo Iossa, critico musicale e ricercatore universitario, per aver saputo raccontare la grande musica – dai Beatles a Pino Daniele – nei suoi articoli e soprattutto nei suoi libri. Il 24 febbraio sarà, inoltre, presentato sul palco dell’Auditorium di Scampia il libro “Love – Le canzoni d’Amore dei Beatles” (graus editore), ultima avventura editoriale di Iossa.

Premio Speciale per il giornalismo televisivo andrà ad Antonello Perillo, caporedattore del Tg3 Campania, per il suo impegno quotidiano nel trasmettere fatti e vicende della regione; per il Giornalismo Sportivo, il premio sarà assegnato a Raffaele Auriemma, per il suo impegno e la sua creatività nel trasmettere a tifosi e agli stessi calciatori grinta, ma soprattutto fair play;  sempre in ambito del giornalismo televisivo, saranno premiati Nello Mazzone, ottimo front-man del Vg21 su Canale 21 e Marco Gargiulo, tra i fondatori di VideoInformazione.

Nell’ambito del giornalismo cartaceo, saranno premiati Valeria Bellocchio del quotidiano Roma, Paolo Barbuto de Il Mattino, Giuliana Covella del quotidiano Metropolis e Antonio Folle, giovane, ma promettente penna del quotidiano Roma; per il giornalismo on-line sarà premiato Marco Perillo  de Il Mattino online e la testata di periferia Periferiamo News, fondata da Luca Saulino, il quale ogni giorno si batte per informare su fatti e vicende delle periferie di Napoli.

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.