Home Cronaca Turismo accessibile: Paestum il primo tempio greco aperto a  chi ha difficoltà...

Turismo accessibile: Paestum il primo tempio greco aperto a  chi ha difficoltà motorie.

2022
SHARE

Napoli – A poche ore dall’apertura ufficiale del primo itinerario turistico per disabili nella città di Paestum il direttore del Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel, ha voluto provare in prima persona la reale “accessibilità” dell’intero percorso del Parco per garantire che il turismo possa diventare   davvero un diritto per tutti.Sul profilo Facebook Gabriel Zuchtriegel, ha postato una foto che lo ritrae in carrozzella, pronto a per iniziare il suo tour; si legge inoltre, in un suo “status” il difficile raggiungimento dell’obiettivo “…ci siamo confrontati con le norme in materia di accessibilità, per creare il primo percorso integrato che va all’interno di un tempio greco ancora in piedi, la cosiddetta Basilica. Ma non volevo aprire questo percorso senza sperimentare in prima persona se è effettivamente praticabile… Il mio grande rispetto a tutti che si muovono in carrozzella in un mondo che deve ancora fare tanto per l’accessibilità!”.

Dopo mesi di lavoro, di impegno e tanto entusiasmo, sabato 2 luglio 2016 è stato presentato il nuovo sito web del Parco realizzato dal team 3.0 d’eccellenza contestualmente all’apertura di tre bellissimi ed unici templi del Parco Archelogico: la Basilica, il Tempio di Atena e il Tempio di Nettuno chiusi al pubblico da 20 anni. Il percorso, totalmente privo di barriere architettoniche, consentirà anche ai turisti in carrozzella di visitare la Basilica, attualmente primo e unico tempio greco ad essere accessibile anche per chi ha difficoltà motorie.

Un grande passo del turismo accessibile: la mancanza di barriere architettoniche, culturali e sensoriali, è la presupposto fondamentale per permettere un uso del patrimonio artistico a tutti.

di Giuseppe Musto

 

 

8 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.