Home Cronaca “Racket” di Ferragosto. Carabinieri sorprendono tre esponenti del clan a taglieggiare ditta...

“Racket” di Ferragosto. Carabinieri sorprendono tre esponenti del clan a taglieggiare ditta impegnata in servizi cimiteriali e polizia mortuaria

1209
SHARE

Casalnuovo –  “Se non paghi, ti spariamo due botte”. I carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno arrestato Federico Gallucci, Giuseppe Mosti ed Emanuele Chirivino. Tutti di Casalnuovo, già conosciuti dalle forze dell’ordine per altri reati. Adesso sono ritenuti responsabili di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti di una ditta di quel centro.
I tre presunti esponenti di spicco del clan “Piscopo – Gallucci”, attivo in quell’area, sono stati bloccati dai militari subito dopo aver richiesto la tangente per il Ferragosto a una ditta appena subentrata nella fornitura dei servizi cimiteriali e polizia mortuaria.
Da tempo i militari stavano effettuando un monitoraggio degli spostamenti dei personaggi ritenuti contigui a clan camorristici, nonché dei potenziali obiettivi, facendo una mappatura delle ditte impegnate in grossi lavori pubblici e privati.
Tra i soggetti seguiti i tre arrestati. I militari li hanno visti raggiungere la ditta, riuscendo a cristallizzare proprio l’atto della richiesta grazie a militari in borghese posizionati in modo da riuscire a sentire le pesantissime minacce: “Qui ci siamo noi. Ci devi dare 1500 euro per adesso. Dobbiamo mantenere più di 50 famiglie in carcere. Se non paghi ti facciamo chiudere, ti spariamo due botte”.
Immediatamente dopo gli operanti sono intervenuti e hanno ammanettato i tre.
Continuano le indagini sulle estorsioni di Ferragosto per ricostruire la rete del racket in quell’area.
Dopo le formalità di rito i tre arrestati sono stati accompagnati presso il carcere di Poggioreale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.