Home Cronaca Toyota lancia il nuovo crossover C-HR con il King of the Flow:...

Toyota lancia il nuovo crossover C-HR con il King of the Flow: intervista a Fabio Attanasio

3297

NAPOLI – Come da titolo, la casa di produzione giapponese lancia sul mercato il nuovo C-HR, il suo primo crossover compatto. Per promuovere la novità la Toyota ha organizzato un’accattivante iniziativa che coinvolgerà quattro città in rappresentanza dell’Italia: Milano, Roma, Napoli e Lecce. Parliamo nello specifico del King of the flow: un evento che si proporrà al pubblico come una campagna elettore in pieno stile americano. Per ogni città abbiamo due candidati per un totale di otto concorrenti che si sfideranno e confronteranno per persuadere chi ascolta che la propria visione del Flow sia la migliore. Gli italiani potranno poi votare comodamente sul web il proprio candidato preferito e vincere la nuova auto. Basterà che si registrino sul sito www.kingoftheflow.it e appunto votino per poter partecipare all’estrazione di un nuovo Toyota C-HR.

Ma di preciso che cos’è il “flow”? “È l’energia pulsante che fa vibrare ogni città, che prende forma attraverso eventi, luoghi, esperienze e persone. È movimento, dichiarazione di libertà, stile esclusivo: un flusso dinamico che si muove tra chiari e scuri, contrasti che convivono in perfetta armonia. È linea dinamica, design esclusivo e tecnologie all’avanguardia. Ovvero i valori che la C-HR incarna” spiega la Toyota che ha lanciato l’iniziativa.

toyota-c-hrAlla domanda chi saranno questi fantomatici candidati, annunciamo che si sfideranno la fashion blogger Veronica Ferraro e il bassista Saturnino per Milano, l’attore Francesco Montanari e l’atleta di arti marziali miste Alessio Sakara per Roma, l’attore Fabio Troiano e autore di “The Bespoke Dudes” Fabio Attanasio per Napoli, la cantautrice Dolcenera e la band dei Sud Sound System per Lecce.

Sarà possibile ammirare il nuovo Crossover Toyota in esposizione in occasione di alcuni importanti appuntamenti. La prima tappa è già stata a Gallipoli al Parco Gondar in agosto. In questi giorni  la Toyota C-HR è in mostra a Napoli. Il tour King Of The Flow tocca infatti il Lungomare Caracciolo in occasione del Napoli Pizza Village (dal 6 all’11 Settembre).

Ed è proprio al Napoli Pizza Village che noi del Napolisera abbiamo avuto modo di incontrare Fabio Attanasio. È accaduto venerdì sera presso lo spazio Toyota. Il signor Attanasio, come dicevamo, è autore del blog “The Bespoke Dudes” e un grande esperto di sartoria artigianale da uomo. Nato a Napoli, si è laureato in Giurisprudenza alla Bocconi di Milano. Oggi che il suo blog è diventato un vero e proprio lavoro, collabora con diverse affermate riviste di moda a livello internazionale e ha lanciato anche una sua linea di occhiali da sole e da vista. Con noi si è dimostrato subito una persona elegantissima, per quanto scontato possa sembrare da dire, e soprattutto molto affabile. Ci ha concesso un’intervista che vi proponiamo di seguito per iscritto (in fondo c’è il video).

attanasio-toyota-c-hr-2Buonasera, vorremmo rivolgerle alcune domande. Ci risulta che a lei non piaccia essere etichettato come “fashion blogger”. Ci chiediamo di conseguenza quale definizione prediliga allora per sé.

“È vero. Io non amo innanzitutto le definizioni. L’argomento di cui parlo io è la sartoria da uomo, l’eleganza classica. Quindi faccio sempre una distinzione fra questi due mondi, anche se poi è chiaro che la categoria sia la moda. Si parla comunque di abbigliamento. Però faccio sempre una distinzione con la moda che trovo essere un regime stagionale, veloce. Al contrario il mondo dei sarti di cui parlo io concludo che sia un mondo di tradizioni, bene o male atemporale. Ad esempio la giacca da uomo classica da oltre un secolo, più di un secolo, rimane la stessa. Non cambia, nonostante le epoche. Per questo forse mi definirei un comunicatore di questo mondo, non so. Sicuramente un appassionato dell’eleganza classica e della storia dell’artigianato. Ecco, mi piace raccontare. Forse quindi mi definirei un narratore di storie”.

A proposito del mondo del web le chiediamo cosa lei pensi del dilagante fenomeno dei fashion blog che sul web si riproducono somigliandosi però un po’ tutti fra loro. Aprire un fashion blog sta diventando a sua volta una moda?

“Sì, innanzitutto è un lavoro nuovo. Una professione che sta nascendo in questi anni. Laddove vi sia più domanda è normale che ci sia più offerta. Molti aprono un fashion blog senza tener conto che per portarlo avanti e arricchirlo di contenuti ci sia bisogno soprattutto di perseveranza e determinazione. Inutile dire che una certa passione e una spiccata creatività siano chiaramente requisiti indispensabili per proporre dei buoni contenuti, contenuti di qualità, che aiutino a distinguere il tuo blog da quello di un altro. Diciamo le caratteristiche che fanno la differenza. Perché è normale che in un mercato, per quanto nuovo, in cui ci sia l’aumento dell’offerta, questo implichi un aumento della concorrenza e di conseguenza maggiori difficoltà per emergere dalla massa”. 

attanasio-alla-guida Le facciamo adesso una domanda molto classica. Sicuramente che tante volte le sarà stata posta, ma che non potevamo farci mancare. Cos’è per lei l’eleganza?

“Per me l’eleganza esula dalle frasi fatte come ‘L’eleganza è dimenticare ciò che si indossa’ e altre frasi simili, per quanto sicuramente siano d’effetto. Per me è un concetto a trecentosessanta gradi. Certo, si esprime anche attraverso il vestiario, ma forse è l’ultimo aspetto, quello più superficiale. Non voglio dire le solite frasi come ‘L’eleganza viene da dentro’, ma è vero che ritengo che dovrebbe pervadere ogni aspetto della vita di una persona. Se una persona è veramente elegante non lo si denota solo da come si veste. L’abbigliamento forse è l’ultima cosa. Ha a che fare con il modo in cui ci si muove, ci si rapporta con le persone, il modo in cui ci si comporta con gli altri. Per me ad esempio anche l’eticità è eleganza. Anche essere etici sul lavoro, mantenere la parola data, onorare le promesse… per me, ecco, l’eleganza è un modo di vedere il mondo. Poi è chiaro che possa esprimersi anche attraverso l’abbigliamento, ma diciamo che si tratti solo di un aspetto esteriore. Tuttavia non sempre corrisponde a sostanza e alle volte invece sì”.

toyota-ch-r-interniL’ultima domanda che volevamo porle è se lei ritenga che gli interni e gli esterni della nuova Toyota C-HR rispecchino il suo concetto di stile e di eleganza.

“Assolutamente. Mi piace la fusione fra la forza della performance del crossover con le linee di design dell’auto stessa. Ma ammetto che dirò una cosa da non addetto ai lavori: mi piace tantissimo il profilo delle maniglie superiori degli sportelli posteriori posizionate in alto, di fianco al finestrino, e non alla solita altezza in orizzontale. Le linee all’interno sono molto belle. Trovo che le conferiscano un che di futuristico. La trovo elegante, sì. Mi piace”.

L’intervista si è conclusa, ma la sfida King of the Flow no. Pertanto diamo un grosso in bocca al lupo a Fabio Attanasio per questa sua esperienza. E naturalmente che vinca il migliore!

Di Valentina Mazzella

 

 

 

 

 

 

2 Commenti

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.