Home Cronaca Arrestati tre falsari di banconote false al Corso Umberto

Arrestati tre falsari di banconote false al Corso Umberto

1282
SHARE

Napoli – Corso Umberto i: scambi brevi manu sospetti… in 3 arrestati dai carabinieri per banconote false. Euro, dollari e in tasca a uno di loro anche un documento d’identità falso
I carabinieri del nucleo operativo della compagnia centro hanno tratto in arresto per introduzione e spendita di banconote false in concorso 3 soggetti incensurati:

Domenico Festa, un 41enne del quartiere mercato,
Ciro Oliviero, un 40enne dei quartieri spagnoli,
Antonio Cozzolino, un 46enne di portici.

L’antefatto:
Nei pressi di un bar pasticceria di Corso Umberto, i carabinieri notano due uomini sospetti in sella a uno scooter –li identificano poi in Oliviero e Cozzolino-. I 2 chiamano un terzo uomo – Domenico Festa – e gli consegnano nelle mani dei contanti; scambiano qualche parola e si allontanano.
Dopo un poco i 2 tornano sul luogo del fatto, parcheggiano lo scooter e, mentre uno attende, l’altro si avvicina a festa dal quale riceve un pacchetto avvolto in carta di giornale. Se lo nasconde in tasca, torna allo scooter e va via insieme al complice.
A questo punto i carabinieri, in servizio di osservazione, intervengono: li inseguono in auto e li bloccano.
Perquisiscono Oliviero e Cozzolino e trovano nel giubbino del primo il pacchetto in questione. Scartano la pagina di giornale e all’interno notano alcune banconote, palesemente false.
Cozzolino viene invece trovano in possesso di una patente contraffatta: la fotografia ritraeva il soggetto, ma i dati anagrafici erano falsificati.
Durante le operazioni, il terzo arrestato – Domenico Festa- si accorge di ciò che sta accadendo e prova a dileguarsi a piedi, ma viene rincorso e bloccato dai militari dopo pochi metri.
I cc infine perquisiscono la sua abitazione, scovando 64 banconote da 50 euro, 45 banconote da 20 euro, 27 banconote da 5 euro e cento dollari americani: un valore complessivo di 4.235 euro.
A questo punto, dopo le formalità i 3 sono stati tradotti al carcere di Poggioreale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.