Home Cronaca Solo chiacchiere, la giunta De Magistris ancora non trova la soluzione per...

Solo chiacchiere, la giunta De Magistris ancora non trova la soluzione per il trasporto dei disabili

1766
SHARE

Napoli – Tra le tante emergenze intorno alla “questione disabilità” a Napoli il trasporto scolastico per i disabili resta ancora una vera e propria chimera nonostante dieci giorni fa davanti alle telecamere de La7 la delegata alle Politiche sociali nella giunta de Magistris Roberta Gaeta affermava: “Dal 1° dicembre ripartirà il trasporto scolastico per i disabili “. A d oggi i fatti però non rispecchiano tali promesse: gli studenti in carrozzina e le loro famiglie continuano ad arrangiarsi come possono e come riescono per evitare che gli sia negato anche l’ultimo dei pochi diritti che ancora gli resta, quello all’istruzione. Ieri pomeriggio l’incontro con l’amministratore di Napoli Servizi e a seguire il comunicato stampa della Gaeta per cercare comunque di dare concretezza alle sue promesse: «Da martedì — annuncia — riprenderà gradualmente il trasporto scolastico per gli alunni disabili, con i primi quattro mezzi rimessi a nuovo appositamente dalla società partecipata Napoli Servizi, al fine di garantire un servizio qualitativamente migliore». «Nel giro di qualche giorno si procederà con la messa a regime con altri sette mezzi dedicati, fino alla ripresa di tutti i servizi». «Altri sette mezzi — dice il presidente di Napoli Servizi Allocca — dovrebbero essere utilizzabili entro metà dicembre, perché sono attualmente in officina». Dei venticinque mezzi preventivati, quindi solo undici saranno effettivamente operativi in quanto gli altri «Sono talmente disastrati — sottolinea l’amministratore di Napoli Servizi — che non c’è alcuna convenienza a ripararli». I soldi per acquistarne di nuovi sembra ci sono ma occorreranno almeno otto o dieci mesi per espletare le procedure per cui da qui a giugno il servizio di trasporto scolastico per i disabili resterà comunque fortemente sottodimensionato. Allocca si è anche rivolto alla Fondazione San Paolo e alla Banca Popolare di Milano, affinché potessero integrare il numero degli scuolabus con un mezzo ciascuno in tal modo non bisognerebbe aspettare i tempi necessari per una procedura di acquisto a evidenza pubblica; comunque si parla di 36000 euro a mezzo e certo non sarebbe una risoluzione del problema solo l’ennesima “pezza a colori” di un’amministrazione che sotto Natale si riempie la bocca di belle parole ma che a conti fatti alla Ponzio Pilato “se ne lava le mani” nascondendosi dietro la farraginosità dei passaggi burocratici e continuando ad ignorare di fatto i bisogni reali di quanti già vivono realmente in condizioni di forte svantaggio.

Di Giuseppe Musto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.