Home Cronaca MIANO: TAGLIEGGIAVANO IMPRENDITORI, ARRESTATI 6 PREGIUDICATI DEL CLAN NAPPELLO

MIANO: TAGLIEGGIAVANO IMPRENDITORI, ARRESTATI 6 PREGIUDICATI DEL CLAN NAPPELLO

4185
SHARE
estorsiomi miano nappello

Napoli – La Polizia di Stato del Commissariato Scampia in sinergia con i poliziotti della Squadra Mobile partenopea, dopo un’articolata indagine tesa all’individuazione dei soggetti operanti nel territorio di Miano nel campo delle estorsioni, collaborati da agenti del Reparto Prevenzione e Crimine Campania, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere , emesso dalla DDA di Napoli, nei confronti di : Peluso Alessio di 24 anni, Ruggiero Gennaro di 48 anni, Mango Luigi di 24 anni , Annunziata Gianluca di 26 anni, Altera Francesco di 36 anni e Carrano Giuseppe di 30 anni, tutti pregiudicati e affiliati al gruppo camorristico dei NAPPELLO, attivo nel quartiere. Le investigazioni, sostenute dalle risultanze di attività tecniche e dalle immagini estrapolate da telecamere appositamente installate, hanno consentito di ricostruire il modus operandi degli estorsori, che “taglieggiavano” con efferatezza imprenditori e commercianti e, talvolta, anche i loro dipendenti, avvalendosi del metodo intimidatorio tipico delle consorterie criminali di stampo camorristico. Qualcuno dei taglieggiati che si è visto costretto a corrispondere agli arrestati somme a titolo di “regalo” ha dovuto finanche chiudere l’attività per timore di ritorsioni in suo danno, non riuscendo a corrispondere le ulteriori somme di denaro imposte dall’organizzazione. I poliziotti durante le perquisizioni, nella casa di Annunziata, hanno trovato un pitone di grosse dimensioni, custodito all’interno di un terrario, illecitamente detenuto. Il rettile veniva sequestrato ed affidato ad apposita ditta. Gli arresti sono stati tutti associati alla struttura circondariale di Secondigliano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.