Home Calcio Champions League: il Napoli batte ilFeyenoord senza problemi

Champions League: il Napoli batte ilFeyenoord senza problemi

1234
SHARE
Copyraight www.flashpressagency.com/zumapress.com- Fabio Sasso
Napoli – Una serata stellare per i giocatori partenopei che con tre goal battono gli olendesi del Feyenoord.
Battere il Feyenoord era fondamentale per il Napoli dopo il k.o. nel primo turno di Champions League con lo Shakhtar.
 Gli azzurri ci sono riusciti grazie al loro tridente tascabile (tutto a segno nella prima senza Milik), ad un saggio possesso palla e complice un avversario oggettivamente di valore non eccelso, che ha pure sbagliato un rigore con Toornstra prima di accorciare il risultato sul gong con Amrabat.
 Sarri ha dovuto rinunciare ad Albiol, fermato dal mal di schiena, e ha dato nuovamente fiducia a Maksimovic come spalla di Koulibaly.
Dal canto suo, Van Bronckhorst non ha recuperato Kramer e quindi al centro dell’attacco ha schierato Boetius. Bello lo striscione che gli azzurri hanno dedicato a Milik prima del match: “Forza Arek, ti aspettiamo”.
Il sistema di gioco degli ospiti con Vilhena trequartista su Jorginho ha inizialmente imbrigliato il Napoli, che ha comunque reclamato un rigore per un contatto in area tra Mertens e St. Juste. Agli azzurri però quest ‘anno basta davvero poco per andare in gol e così al 7’ Insigne ha rubato palla ad Amrabat e si è aperta una voragine nella difesa ospite: per Lorenzinho è stato quasi un gioco da ragazzi mandare il pallone in buca d’angolo con un destro chirurgico dai venti metri. Esultanza “pro Milik” e partita in discesa per la squadra di casa, tanto che Hamsik poco dopo ha sfiorato il raddoppio ma è stato lento nella conclusione facendosi rimontare e disturbare da un avversario al momento del tiro. Il Feyenoord si è fatto vedere con il solo Boetius (facile la parata di Reina) ma con il passare dei minuti ha preso confidenza pur senza alzare il ritmo per evitare di scoprirsi. Qualche rischio, comunque, gli olandesi lo hanno corso specie perché non eccelsi nel palleggio (da una ripartenza al 44′ Hamsik è andato al tiro di sinistro, palla fuori). Inoltre, Dicks ha fatto fatica a tenere uno scatenato Insigne che prima dell’intervallo ha impegnato Jones (bravissimo poco dopo in uscita bassa su Callejon). Insomma, al duplice fischio dell’arbitro Napoli avanti meritatamente e senza neppure “forzare”.
 Del resto, il Feyenoord ha mostrato di sapersi far male da solo, tendenza confermata al 4′ della ripresa quando Dicks, disturbato da Ghoulam, ha mandato in porta Mertens con uno sciagurato retropassaggio. Per il belga segnare il suo ottavo gol stagionale è stato a quel punto sin troppo semplice. Così il Napoli ha iniziato a ragionare con il cronometro alla mano tenendo sempre la linea alta per evitare qualsiasi sofferenza. Portare in area il Feyenoord ha invece causato il rigore che Reina ha parato a Toomstra (fallo di Ghoulam su Berghuis). Per lo spagnolo (miracoloso più avanti sul solito Berghius) è arrivato dunque il pronto riscatto dopo Ferrara. Neanche il tempo di esultare, comunque, per la prodezza di Pepe che il Napoli ha calato il tris con Callejon, lesto ad approfittare di un assist di Mertens per freddare in diagonale Jones. Risultato in ghiaccio e che è mutato nel recupero quando Amrabat ha bruciato Maksimovic per il 3-1 finale. Adesso per gli azzurri testa, almeno in Champions, al 17 ottobre quando a Manchester contro il City ci sarà in palio una posta molto alta.
Link dell’intero servizio fotografi a cura dell’agenzia www.flashpressagency.com per la zumapress.com fatto da Fabio Sasso
https://www.facebook.com/Flash-Press-Agency-1411245012288650/#

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.