Home Food Delizie al limone di Mario Di Costanzo Tre monoporzioni vitaminiche ispirate...

Delizie al limone di Mario Di Costanzo Tre monoporzioni vitaminiche ispirate ai sapori freschi dell’estate

2860
SHARE

NAPOLI – Colore vitaminico, sapore intenso e design elegante: le monoporzioni al limone di Sorrento firmate dal pastry chef e maitre chocolatier Mario Di Costanzo sono un inno alla stagione estiva: tre dessert, proposti in raffinate varianti – éclair, delizia e mini cake –  che evocano le giornate di sole e accontentano i palati più sofisticati in cerca di un fine pasto fresco e goloso. La glassa lucida, di colore giallo intenso, riveste un cuore dicrema al limone racchiuso in un morbido pan di spagna realizzato con farine selezionate, uova fresche, zucchero e scorzette di agrumi della costiera sorrentina rigorosamente tagliate e lavorate a mano. Una stratificazione di consistenze da esplorare al cucchiaio, assaggio dopo assaggio, in grado di risvegliare le papille gustative attraverso il perfetto equilibrio di note dolci e aspre che rinfrescano il palato. Sbuffi di panna, scaglie di pistacchi, foglie d’oro e piccoli petali di fiori rifiniscono ogni creazione all’insegna di un design nuovo e contemporaneo.

Mario Di Costanzo, classe 1982, è la terza generazione di una famiglia di pasticcieri nella Napoli più verace e popolare, con laboratorio e punto vendita in piazza Cavour, alle spalle del colorato mercato rionale dei Vergini e a pochi passi dal Museo Nazionale Archeologico, straordinario amalgama di antico e contemporaneo. Pastry chef e maitre chocolatier, ha perfezionato la sua formazione alla Boscolo Etoile Academy. Da anni porta avanti una ricerca che si muove sullo stile e l’eleganza dell’alta pasticceria francese coniugando avant garde e spirito partenopeo. Estro creativo e padronanza della tradizione danno vita a dolci che sono vortici di colori e forme, dessert trompe-l’œil che invitano il consumatore a sorprendersi amplificando il piacere della degustazione. Nelle sue mani i dolci della tradizione si ridimensionano, le torte si trasformano in tele pittoriche d’impatto, la forchetta diventa uno strumento per studiarle all’interno e scoprirne le mille stratificazioni di gusto, colore e stupore. Nel suo laboratorio, nato dalle scuderie di un palazzo del 1800 di piazza Cavour, ogni giorno prendono forma Saint- Honoré, éclairs, tarte au chocolat, macarons si mixano al babà, al tiramisù e alla cassata tipicamente italiani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.