Home Food Lo struffolo bianco e i panettoni ingredienti doc

Lo struffolo bianco e i panettoni ingredienti doc

694
0
SHARE

L

IL DOLCE NATALE DEL PASTRY CHEF MARIO DI COSTANZO

Napoli – “Sembra di mangiare il Natale”. È questa la definizione che il giovane pastry chef napoletano Mario Di Costanzo sceglie per presentare lo struffolo bianco, nuova creazione per le feste natalizie. Un dolce total white come sempre nato dalla sapiente arte di saper fondere innovazione e tradizione.

Lo struffolo bianco è una torta a farciture sovrapposte che, poggiando su un croccante alla mandorla e nocciola, mette in fila un pan di Spagna, una mousse al gusto di cannella, una generosa dose di scorzette d’arancia candite e una seconda mousse, stavolta al gusto di pisto e anice stellato.

Dal canto loro, gli struffoli ne compongono il rivestimento, rifinito con una glassatura di cioccolato bianco. È una corona candida e morbida di pezzi tutti diversi: un vero e proprio inno alla manualità artigiana. L’assaggio del nuovo dolce di Mario Di Costanzo non dà adito a dubbi. Per intenderci, il suo sapore richiama gli aromi del roccocò e, quindi, suona subito familiare al palato e alla mente. “Mi ha guidato l’dea di tenere in equilibro cremosità e acidità, croccantezza e morbidezza” ha dichiarato Mario Di Costanzo.

Lo struffolo bianco non esaurisce la linea di dolci natalizi ideata dal talentuoso pasticciere napoletano. Quest’anno giocheranno un ruolo da protagonisti anche i panettoni artigianali, proposti in ben cinque varianti. Nello storico punto vendita di piazza Cavour,133 si potrà acquistare la versione classica, con uvetta e frutta candita e la variante con albicocca pellecchiella del Vesuvio e pistacchio di Bronte. Ma anche quelle al cioccolato, quella alla mela annurca e cannella nonché quella ai frutti di bosco. Cinque tipi di panettoni accomunati da precise scelte di preparazione: innanzitutto quella della lavorazione rigorosamente artigianale con 36 ore di lievitazione. Tutte le creazioni accomunate, poi, dall’uso di soli ingredienti italiani, in ossequio alla teoria del Km buono, e da una lavorazione fedele ai canoni della produzione artigianale. “Dopo il successo della cassata nera, spero che anche i dolci di Natale 2018 siano apprezzati dal pubblico” si è augurato Mario Di Costanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.