Home Economia “E’ necessaria la riduzione della pressione fiscale e contributiva”

“E’ necessaria la riduzione della pressione fiscale e contributiva”

L’appello di Edmondo Duraccio, presidente dei Consulenti del Lavoro di Napoli alla presentazione del VI forum “lavoro, occupazione, imprese & libere professioni” che si terrà il 9 maggio a Napoli

324
0
SHARE

NAPOLI – “Purtroppo dobbiamo constatare che anche il Governo Conte ha perpetuato l’errore, l’illusione ed il convincimento che attraverso una disposizione normativa, quale la ‘Legge di Bilancio 2019’, è possibile prevedere benefici contributivi a favore delle imprese favorendo l’occupazione. A parte la considerazione che fino a qualche giorno fa, si è vissuti nell’ombra più cupa circa l’attuazione di tali benefici, e che durante il percorso hanno perso la validità di ben quattro mesi, poiché sarà possibile applicare il provvedimento solo dal 1° maggio 2019”.

Lo ha detto Edmondo Duraccio, presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Napoli nel corso di un’affollata conferenza stampa, con Luigi Carbonelli, numero uno dell’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro (Unione Provinciale di Napoli), presentando la VI Edizione del Forum “Lavoro, Occupazione, Imprese & Libere Professioni”, che si terrà il prossimo 9 maggio, dalle ore 15,00, presso il Centro Congressi della Stazione Marittima di Napoli.

“Occorre invertire la rotta attraverso altri provvedimenti che siano forieri di crescita dell’economia come ad esempio gli investimenti pubblici, che di certo creerebbero occupazione, la riduzione della pressione fiscale e contributiva per famiglie ed imprese con l’obiettivo di favorire nuovi consumi, investimenti ed esportazioni con un costo del lavoro ridotto”, ha aggiunto Duraccio.

“Non va sottaciuta l’importanza, non solo psicologica, di uno Stato che sia credibile e che paghi i debiti contratti con i propri fornitori. Poi, ci sarà un focus sulle politiche regionali del lavoro che rappresentano un’importanza strategica per il territorio”.

“Saranno questi i principali temi della prima tavola rotonda dell’incontro che saranno approfonditi da politici ed esperti del settore per individuare quale potrà essere la ‘ricetta’ idonea per il rilancio dell’occupazione, con tutte le modalità di attuazione, analizzando, in maniera dettagliata, quali saranno gli effetti del ‘reddito di cittadinanza’ e di ‘Quota 100’, il nuovo ruolo dei ‘Centri per l’Impiego’ e la ‘crisi della Pubblica Amministrazione’ che sembrerebbe perdere occupazione da rimpiazzare con laboriosi concorsi pubblici”, ha concluso il leader dei consulenti del lavoro partenopei.

Al primo dibattito, moderato da Gennaro Sangiuliano (direttore del Tg2) e introdotto dal giornalista Carmine Primavera, parteciperanno Sonia Palmeri (assessore regionale al Lavoro),Cesare Damiano (già ministro del Lavoro), Giovanni Sgambati (segretario regionale della Uil), Michele Raccuglia (Anpal Servizi) e Francesco Duraccio (segretario nazionale dei consulenti del lavoro).

La seconda tavola rotonda deI workshop con cui i Consulenti del Lavoro dei Napoli esamineranno le problematiche relative al mondo del lavoro, imprese e professioni, riguarderà la “certezza del diritto”, le “variegate fonti della retribuzione”, “il pluralismo sindacale, la maggiore rappresentatività comparata” e “il salario orario minimo uguale per tutti” a cui interverranno Giuseppe Cantisano (Itl Napoli),Paola Marino (Giudice del Lavoro), Doriana Buonavita (segretario regionale Cisl), Nicola Ricci (segretario regionale Cgil), Salvatore Vigorini (C.I.F.A. Italia) e Francesco Capaccio (segretario dei consulenti del lavoro di Napoli).

“Sono tematiche complesse e di rilievo se si pensa che in ipotesi vi sono varie definizioni e fonti della retribuzione a seconda che riguardino la proporzionalità e la sufficienza, la base imponibile per il versamento dei contributi, il salario da erogare per non incorrere nel reato di caporalato e riduzione in schiavitù, quello idoneo per la fruizione di benefici nomativi e contributivi e l’introducendo salario minimo orario – ha affermato Carbonelli – e che non vi sono criteri legali per stabilire il grado di rappresentatività delle parti del CCNL lasciando il tutto al pensiero della giurisprudenza”.

Non mancherà, infine, una “sobria celebrazione” dei 40 anni della legge 12/1979, istitutiva della professione di Consulente del Lavoro nella quale il presidente Duraccio ricorderà l’operatività di alcuni colleghi napoletani per l’ottenimento di tale prestigioso riconoscimento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.