Home Cronaca Reggia di Caserta, muore cavallo per il forte caldo. Infuria la polemica...

Reggia di Caserta, muore cavallo per il forte caldo. Infuria la polemica sull’uso delle botticelle

454
SHARE

Massimo Pigoni, vicepresidente dell’Ente nazionale protezione animali: “In un Paese civile le botticelle dovrebbero scomparire immediatamente e per sempre. Ci costituiremo parte civile”.

E’ accaduto oggi alla Reggia di Caserta verso le 13,30 mentre il cavallo trainava una carrozza, si è accasciato a terra ed è morto sotto gli occhi di decine di turisti. Non è chiaro se al momento della tragedia ci fossero persone a bordo, ma sembra che il cavallo a causa del forte caldo abbia accusato un malore e sia caduto a terra senza vita. Sul posto sono accorse anche le Forze dell’ordine per i rilievi del caso.

In  poco tempo le immagini forti del cavallo senza vita, hanno fatto il giro del web, raccogliendo l’ira e l’indignazione di tantissime persone e in particolare degli animalisti.

Sotto accusa una delle attrazioni più gettonate dai turisti in visita alla Reggia di Caserta, il giro sulle botticelle trainate da cavalli che, soprattutto d’estate, mette a dura prova la salute dei poveri animali, sottoposti a pesanti sforzi per il trasporto di diverse persone per ogni giro previsto.

La vicenda riporta l’attenzione su un tema già affrontato in passato, i giri in calesse della Reggia di Caserta, e riapre la polemica sull’abolizione di questa pratica che mette a repentaglio la salute degli animali.

Per Massimo Pigoni, vicepresidente dell’Ente nazionale protezione animali, E.N.P.A.,”è assurdo che al giorno d’oggi ancora si utilizzino gli animali per queste finalità, attività non più accettabili anche alla luce delle ormai accreditate conoscenze scientifiche ed etologiche che dimostrano senza ombra di dubbio che gli animali soffrono e patiscono esattamente come noi. In un Paese civile le botticelle dovrebbero scomparire immediatamente e per sempre”. E annuncia: “Ci costituiremo parte civile”.

“E’ da tempo che denunciamo questo sfruttamento dei cavalli, che ovviamente non avviene soltanto all’interno della Reggia di Caserta. E’ un modo barbaro e vergognoso di utilizzare gli animali” lo hanno dichiarato il Consigliere regionale dei Verdi-Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, insieme a Rita Martone, coportavoce dei Verdi-Europa Verde nel casertano. Rivolgendosi poi alle Forze di polizia municipale, hanno fatto richiesta di far rispettare, dove presente, l’ordinanza che vieta la circolazione dei cavalli sopra certe temperature e nelle ore più calde della giornata, “mentre dove ancora non è stata prevista bisogna provvedere a metterla, valida sia per le strade che per i parchi ed i monumenti storici. Vigileremo con i nostri volontari per impedire che questi poveri animali vengano fatti circolare in condizioni climatiche critiche”, concludono i due esponenti dei Verdi-Europa Verde.

Sulla vicenda è intervenuta anche la direzione della Reggia con una nota nella quale ha espresso profondo dispiacere: “Questa mattina uno dei cavalli del servizio carrozze ippotrainate, gestito in concessione dalla società Tnt, è deceduto. Gli organi competenti stanno effettuando in queste ore tutte le verifiche che il caso richiede. La Direzione della Reggia di Caserta esprime profondo dispiacere per l’accaduto”.

Si attendono ora gli esiti dei rilievi effettuati dalle Forze dell’ordine e i risultati dell’autopsia dell’animale disposta nei prossimi giorni per accertare le cause del decesso.

G.S.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.