Home Cultura Procida, Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. “La cultura che non isola”...

Procida, Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. “La cultura che non isola”  

324
SHARE

Oltre quaranta i progetti culturali da mettere in campo nel 2022, con il coinvolgimento di 240 artisti, 40 opere originali e 8 spazi culturali frutto di una rigenerazione urbana

Piccola meraviglia del Golfo di Napoli, l’isola di Procida si è aggiudicata la vittoria convincendo la giuria, presieduta dal Professor Stefano Baia Curioni, dopo l’esame dei dieci progetti presentati dalle città che si sono candidate. La designazione si è svolta alla presenza del ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini.  Le altre candidate erano: Ancona, Bari, Cerveteri , L’Aquila , Pieve di Soligo (Treviso), Taranto , Trapani , Verbania Lago Maggiore e Volterra.

A convincere la commissione del Ministero dei beni culturali e del turismo, è stato il progetto intitolato ‘La cultura non Isola’ che sottolinea come  “la terra isolana sia un luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, un modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo”. Il percorso che ha portato alla creazione e consegna del dossier di candidatura, è stata una significativa esperienza di innovazione sociale, per la centralità di un modello di vita urbana attiva, orientata alla cultura e ai desideri della comunità, un vero laboratorio culturale di felicità sociale. Tanti i testimonial che hanno supportato la candidatura di Procida, da Toni Servillo a Gigi D’Alessio, da Luisa Ranieri a Valeria Parrella, fino al direttore del Giffoni Festival.

“Il contesto locale, regionale, pubblico e privato è ben strutturato. La dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria – ha dichiarato il ministro Dario Franceschini nel corso della proclamazione – la dimensione laboratoriale che comprende aspetti sociali e di diffusione tecnologica è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe rappresentare un modello per i progetti sostenibili e di sviluppo culturale delle realtà isolane e costiere del paese.”

Oltre quaranta i progetti culturali da mettere in campo nel 2022, con il coinvolgimento di 240 artisti, 40 opere originali e 8 spazi culturali frutto di una rigenerazione urbana. I temi che accomunano le progettualita’ sono l’inclusione, la sostenibilità ambientale, e la millenaria vocazione marinara dell’isola.

“È una enorme gioia, Procida è metafora di tante comunità che hanno riscoperto entusiasmo ed orgoglio per i propri territori e vogliono riscattare le proprie terre. Siamo certi che la cultura possa essere un detonatore del piano strategico di rilancio del paese”. Così il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, ha commentato la proclamazione dell’isola capitale italiana della cultura per l’anno 2022. È un’occasione straordinaria per una piccola isola, lavoreremo sodo per rendere l’Italia orgogliosa di questa scelta”, ha aggiunto.

Anche il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, si è detto molto soddisfatto per la scelta di Procida. “Ha vinto un progetto bellissimo, di valorizzazione dell’isola e della Campania, a cui Regione e Comune hanno creduto. È un’occasione straordinaria di proiezione della nostra Regione sul piano internazionale sulla scia del grande successo delle Universiadi 2019 – sottolinea De Luca – Presenteremo nei prossimi giorni i contenuti del progetto”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.