Home Napoli Il Candidato Sindaco Maresca risponde…

Il Candidato Sindaco Maresca risponde…

351
SHARE

In un pomeriggio assolato, nello studio della candidata del Partito Liberale Europeo, Cetty Saetta, abbiamo avuto il piacere di ospitare Catello Maresca. Approfittando della sua disponibilità e di un po’ di tempo per rispondere alle nostre domande, abbiamo chiamato diversi amici imprenditori della zona, così da fare un vero e proprio dibattito. Con la Saetta, il coordinatore cittadino del PLE, Massimo Mastrolonardo; Il coordinatore regionale, Stefano Maria Cuomo; la dirigente Tiziana di Finizio; il dottor Mattia Luciano; il CEO di Italiamare, Paolo Barra (leader della vendita barche); le signore Annarita Monopoli(responsabile di due boutique a Chiaia) e Simonetta de Luca (psicologa, psicoshopper, ma oggi anche personaggio pubblico), tra gli altri, ed alcuni responsabili di diversi settori.

Si è parlato di temi svariati, quali le problematiche dei taxi in una città congestionata perennemente, del problema di delocalizzare la movida e quindi riportare la legalità e tranquillità in alcuni punti della città, della quasi mancanza di porti di attracco per barche di diverso cabotaggio.

Il candidato sindaco Maresca ha colto l’occasione per ringraziare i partecipanti, ed ha così risposto in maniera esaustiva alle diverse domande/richieste dei partecipanti.

“Innanzitutto, la movida-ci dice Maresca– non può essere condensata in diversi e soliti punti della città, ma va anche delocalizzata verso Bagnoli, Centro direzionale ed altri settori della città. Mi batterò affinché ciò avvenga creando spazi di aggregazione e ripristino dei controlli, laddove mancano”.

“I Taxi devono avere possibilità di lavorare bene e sempre. Dobbiamo ripristinare le corsie preferenziali, controllare e pianificare le zone Ztl”.

“per quanto riguarda i porti di attracco-conclude Maresca- immagino un porto, stile Barcellona, allargandolo dove si può, ma anche dando possibilità a chi lavora nel settore di farlo nel migliore dei modi, sia per quanto riguarda l’attracco, che il rimessaggio, e studiare con l’autorità portuale la migliore soluzione per favorire ciò”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.