Home Cronaca Napoli Pride, l’orgoglio arcobaleno invade piazza Dante 

Napoli Pride, l’orgoglio arcobaleno invade piazza Dante 

700
SHARE
Ph. Fabio Sasso/F.P.A.

Il messaggio che parte da Napoli: “Approvare Ddl Zan, l’Italia e’ in evoluzione” 

I colori dell’arcobaleno hanno invaso ieri piazza Dante a Napoli. A 25 anni dal primo Pride partenopeo, il messaggio che parte dalla piazza e’ forte e chiaro sul Ddl Zan: “Approvare Ddl Zan, l’Italia e’ in evoluzione”, tutti insieme per chiedere a gran voce l’approvazione della legge. Tantissimi i cartelli, gli striscioni esposti. Presenti alla manifestazione, accanto alle associazioni che si battono per i diritti degli omosessuali, delle famiglie Arcobaleno e delle persone Lgbt, anche tantissimi ragazzi e  giovanissimi.

‘Siamo tutti uguali – dice una giovane – nessuno deve essere discriminato per i suoi affetti e per il suo orientamento sessuale. Siamo tutti cittadini italiani’’. Coppie omosessuali che si tengono per mano, e si baciano liberamente perche’ affermano – ”non siamo diversi dalle coppie etero. Il nostro e’ solo amore come il loro’’. 

Sono state proiettate le immagini della prima manifestazione Pride del giugno 1996 che si concluse in piazza Municipio, davanti la sede del Comune. ‘ ‘In questi 25 anni e’ stata fatta molta strada – ha sottolineato Daniela Falanga, presidente Antinoo Arcigay Napoli – ci sono le Unioni civili ma c’e’ ancora una parte di cittadini che esige i propri diritti e se i politici non sono in grado di andare incontro a questa trasformazione, allora devono lasciare il posto ai ragazzi che stanno facendo la differenza. L’Italia e’ in evoluzione, lasciamola evolvere”.

“Fari accessi sullo stallo in cui versa il Ddl Zan che – ha affermato Falanga – ”non solo da’ nome e cognome a tutte le persone di questo Stato ma definisce le possibilita’ per poter realizzare davvero uno Stato democratico e liberale dando finalmente l’opportunita’ di poter chiamare le persone transessuali con nome e cognome, di poter essere visti e di avere diritti. A tutti lo Stato deve garantire la possibilita’ di vivere secondo le proprie necessita”’. Una piazza che ha visto la partecipazione del senatore Alessandro Zan, estensore dell’omonima legge, del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, della cantante Paola Turci, dell’ex compagna di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale e di alcuni candidati sindaco.

“Questa città ha dimostrato di lottare per i diritti e di mettere al centro le persone. Abbiamo dimostrato che la Costituzione vive anche attraverso atti amministrativi. Vedere una piazza così piena è una bella fotografia di vita”, così il sindaco di Napoli de Magistris al Pride organizzato a Piazza Dante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.