Home Cronaca Pizza più leggera con la musica classica, la scoperta choc di Ferdinando...

Pizza più leggera con la musica classica, la scoperta choc di Ferdinando Simeoli

152
SHARE

Il pizzaiolo napoletano mette in pratica la ricerca di uno scienziato giapponese e fa “ascoltare” tutto il giorno note sinfonie all’acqua dell’impasto

Le vibrazioni prodotte dalla musica classica rendono più leggero l’impasto utilizzato per la pizza. Una considerazione a cui Ferdinando Simeoli, pizzaiolo napoletano, è giunto partendo dalla singolare ricerca di uno scienziato giapponese, Masaru Emoto, che un bel giorno si è messo a fotografare al microscopio elettronico l’acqua dopo averla esposta a vibrazioni di diversa origine.

Un esperimento che ha dato risultati sorprendenti. Il ricercatore ha infatti dimostrato che se sottoposta all’effetto di parole e pensieri positivi o di note melodie, forma dei bellissimi cristalli, simili a fiocchi di neve. Di contro, raggiunta da vibrazioni “negative”, i cristalli prodotti risultano del tutto amorfi. Simeoli ha voluto far sua questa teoria, creando un ambiente, nella sua pizzeria in via Montagna Spaccata a Pozzuoli, nel quale all’acqua che utilizza per l’impasto della pizza fa “ascoltare” musica di Mozart, Bach, Beethoven, Rossini e Vivaldi. Il risultato è una pizza decisamente più leggera. Un esperimento che Simeoli intende ora sottoporre all’attenzione di un nuovo studio scientifico, per misurarne e valutarne i reali effetti e i benefici sul più tradizionale dei prodotti made in Napoli. Nell’attesa, l’impasto cresce ogni giorno tra le note della Primavera, della Cavalcata delle Valchirie o della Quinta Sinfonia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.