Home Cronaca In piazza a Napoli la comunità ucraina per dire stop alla guerra

In piazza a Napoli la comunità ucraina per dire stop alla guerra

181
SHARE

L’intera piazza in ginocchio al momento della preghiera in onore dei compatrioti caduti in guerra

Stamattina si sono riuniti in Piazza del Plebiscito, davanti al colonnato della Basilica di San Francesco di Paola, oltre 500 tra uomini e donne ucraini, a sostegno del loro popolo, per chiedere di fermare la guerra. Ad accompagnarli una bandiera lunga oltre 20 metri mentre sono stati scanditi slogan e preghiere in onore dei compatrioti che combattono a difesa della loro terra: “Slava Ukraini!”, Gloria all’ Ucraina! “Gloria ai nostri eroi !”. Alla manifestazione hanno partecipato in prevalenza donne, in rappresentanza dei circa 15mila ucraini residenti in Campania, la comunità più grande in Italia.

Per tre ore, la piazza ha intonato canti preghiere, lanciato appelli e richieste d’aiuto per il popolo ucraino. Unanime la richiesta dell’istituzione della ‘no fly zone”, “l’unica via d’uscita”, dicono, per fermare l’avanzata russa. Sui cartelli si legge ”Nato chiudi i cieli”, “No fly zone”. Molte anche le drammatiche testimonianze di connazionali appena arrivati dall’Ucraina.

Alla manifestazione ha partecipato anche il Console generale Maksym Kovalenko che ha invitato i rifugiati a rivolgersi con fiducia alla Protezione civile e alle autorità locali, perché molti di loro temono che gli si ritiri il passaporto, ha spiegato Roxolana, una delle organizzatrici della manifestazione. Presenti anche bandiere bielorusse e la bandiera rossa e nera dell’ “Esercito nazionale ucraino” di Stepan Bandera, proclamato eroe della Patria. Al momento della preghiera per i caduti, l’intera piazza si è inginocchiata commossa.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.