Home Cultura Napoli, il Regno borbonico

Napoli, il Regno borbonico

159
SHARE

Benvenuti all’appuntamento con la rubrica “๐‘ต๐’‚๐’‘๐’๐’๐’Š ๐’‚๐’๐’•๐’Š๐’„๐’‚: ๐’”๐’•๐’๐’“๐’Š๐’‚, ๐’‚๐’๐’†๐’…๐’…๐’๐’•๐’Š ๐’† ๐’„๐’–๐’“๐’Š๐’๐’”๐’Š๐’•๐’‚'”.

 

Nel 1734, con un’azione militare, Carlo di Borbone instaurava a Napoli la dinastia borbonica. Con suo figlio Ferdinando IV, egli attuรฒ una politica riformista che caratterizzรฒ la collaborazione tra la monarchia e i settori illuminati.

Negli anni della Rivoluzione francese, dopo la vittoria delle truppe francesi su quelle borboniche, si costituรฌ la Repubblica napoletana. L’ostilitร  del popolo e l’azione delle bande al servizio dei Borbone, fecero cadere la repubblica in pochi mesi. Il Regno fu riconquistato da Napoleone che lo affidรฒ al fratello e poi a Murat, mentre la Sicilia restava ai Borbone.

Al crollo dell’impero napoleonico, Ferdinando IV, rientrato a Napoli, perseguรฌ un rigido accentramento e il Regno assunse il titolo di Regno delle Due Sicilie. I Borbone rimasero al potere fino al 1860, a seguito della spedizione dei Mille di Garibaldi con l’annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna; ciรฒ portรฒ alla Costituzione del Regno d’Italia nel marzo 1861.

 

Saluti cordiali!

Pino Spera, Responsabile della Sezione Storia della Biblioteca I Care, Pomigliano dโ€™Arco.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.