Home Cultura Alla scoperta di Napoli greco-romana

Alla scoperta di Napoli greco-romana

210
Piazza Bellini, Napoli. Antiche mura greco-romane.

Benvenuti al nuovo appuntamento della rubrica “𝑵𝒂𝒑𝒐𝒍𝒊 𝒂𝒏𝒕𝒊𝒄𝒂: 𝒔𝒕𝒐𝒓𝒊𝒂, 𝒂𝒏𝒆𝒅𝒅𝒐𝒕𝒊 𝒆 𝒄𝒖𝒓𝒊𝒐𝒔𝒊𝒕𝒂'”.

 

Nel VII secolo a.C. i Greci fondarono Paleopolis (in greco “città antica”). La futura città di Napoli fu successivamente ampliata con un nuovo quartiere che fu denominato Neapolis (“città nuova”).

I Greci che si insediarono a Napoli non amavano la guerra. Desideravano soprattutto godersi il clima dolce di quelle terre, nonché l’abbondanza del cibo garantito dalla fertilità del suolo.

Ben presto due confinanti si apprestavano a dare fastidio ai nuovi insediati: i Sanniti, popolo delle montagne della Campania che cercava uno sbocco a mare, e i Romani che volevano estendere la loro egemonia.

Con i Romani, nel 326 a.C., scoppiò la guerra che si concluse con la vittoria degli stessi.
Tra i due popoli si creò un’alleanza (foedus neapolitanum) in virtù della quale Napoli divenne socia fedelissima di Roma. Come tale fu obbligata a fornire navi e marinai. Napoli, però, conservò l’autonomia, i riti, gli usi, i costumi, la cultura e soprattutto la lingua della città greca, quest’ultima utilizzata anche nei documenti fin quasi all’anno mille.

L’alleanza con Roma fu molto fiorente ed ebbe enormi benefici commerciali che incisero positivamente sulla popolazione, in quel tempo composta solo da 30mila napoletani.

Tracce di quest’epoca si possono trovare ancora oggi nell’originario impianto dei tre decumani, cioè le tre antiche strade che costituiscono il centro antico della città.

Saluti cordiali!

Pino Spera, Responsabile della Sezione Storia della Biblioteca I Care, Pomigliano d’Arco (NA). 

 

 

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.