Home Cultura Il coccodrillo del Maschio Angioino

Il coccodrillo del Maschio Angioino

210

Benvenuti al nuovo appuntamento della rubrica “π‘΅π’‚π’‘π’π’π’Š π’‚π’π’•π’Šπ’„π’‚: π’”π’•π’π’“π’Šπ’‚, π’‚π’π’†π’…π’…π’π’•π’Š 𝒆 π’„π’–π’“π’Šπ’π’”π’Šπ’•π’‚'”.

 

C’Γ¨ un aneddoto – forse vero – riguardante la fortezza medievale simbolo della cittΓ  di Napoli, il Maschio Angioino, eretta circa nel 1279 per volere di Carlo I d’AngiΓ².

Il castello Γ¨ dotato di alcune prigioni nei suoi sotterranei: tra questi “la prigione della congiura dei Baroni” e “la fossa del miglio” che era usato come deposito del grano. Qui venivano rinchiusi i prigionieri tra cui anche il celebre filosofo Tommaso Campanella.

Nell’epoca della regina Giovanna II (1415) –Β sposa di Giacomo di BorboneΒ e spesso dipinta come una perfida amante degli uomini – la fossa del miglio prese il nome di fossa del coccodrillo. A lei viene attribuita, infatti, l’iniziativa del trasporto di un coccodrillo dal Nilo.

Per non farsi scoprire dal marito, pare che invitasse i suoi amanti occasionali a scendere dal castello per un’uscita secondaria dove ad attenderli c’era l’animale che provvedeva a non lasciare traccia.

Benedetto Croce, nel suo libro “Storie e leggende napoletane” (1919), scriveva: “Era in quel castello una fossa sottoposta al livello del mare, oscura e umida. […] Da un buco celato della fossa introdursi un coccodrillo, che con le fauci afferrava per le gambe il prigioniero”.

Nel 2004, durante gli scavi in piazza Municipio per la costruzione della metropolitana, Γ¨ stato ritrovato lo scheletro di un animale di cui sono ancora in corso le indagini per definirne la natura. Le ipotesi avanzate inducono a pensare a un coccodrillo o un cetaceo.

Durante una mia escursione al Maschio Angioino, ho potuto constatare con enorme fascino l’esistenza di codesti cunicoli e botole.

Saluti cordiali!

Pino Spera, Responsabile della Sezione Storia della Biblioteca I Care, Pomigliano d’Arco (NA).Β 

 

 

 

Previous articleFestival dell’Oriente 2022: reportage dell’evento piΓΉ colorato di settembre
Next articleLe meraviglie della Citta’ Metropolitana di Napoli al World Tourism Event for Unesco

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.