Home Mondo La passione di Cristo a  Procida

La passione di Cristo a  Procida

1300

PROCIDA – Duemila figuranti ,  49 i  carri  che hanno sfilato lungo la processione del Venerdi Santo  sull’isola procidana  con  turisti accolti all’ imbarco da un sole ridente e da  un cielo terso; si conclude cosi il venerdì Santo 2015  nell’isola di Procida. Una tradizione religiosa e folcloristica di origine spagnola, proveniente da Siviglia  che si ripete sin dal 600’  ed organizzata dalla congrega dei Turchini.
Una processione per la cui realizzazione non vi è abitante dell’isola che non vi partecipi sin dalla tenera età, come lo dimostrano i bambini portati in braccio, vestiti di nero e oro. Rito  fortemente  “stampato” nel dna dei procidani che lo tramandano di padre in figlio. e vi partecipano nel sacrificio, nella creatività nella condivisione dell’intera comunità procidana.
Dopo una veglia funebre  al Cristo morto, la statua lignea collocata nella  chiesa S. Tommaso D’Aquino, sede della congrega dei turchini,  viene condotta in una lunga processione  lungo le vie principali del centro storico.
Il corteo dei giovani maschi dell’isola sfila con una tunica bianca e una mantellina blu.   in un silenzio rotto solo da un suono di tromba che richiama al dolore  e tre tocchi di tamburo a cadenza scandiscono  i passi dei passanti avvolti da un profumo d’incenso.
Chiude il corteo “Cristo morto”, avvolto in un velo trasparente che attende la resurrezione, seguiti dalla banda musicale di Procida e dalle autorità locali.
Quest’anno tra i carri i “misterici”in legno e cartapesta  con simboli  tratti dal vangelo e dal  vecchio testamento: figurava insolitamente Gesù in arancione imprigionato,  con uno scheletro corroso dal male, pronto a cancellare il bene da questo mondo.  Un chiaro richiamo ad un pilota ucciso dall’Isis qualche mese fa, la tradizione che si rinnova e si  veste della drammaticità attuale. Sono passati duemila anni da allora “Dio ha dato all’uomo il libero arbitrio, ma l’uomo  continua a sfigurare  il volto suo e di suo fratello – è il mistero dell’indignazione e della speranza spiega  un volantino distribuito ai partecipanti insieme ad un rosario.La speranza che da una propedeutica rappresentazione possa scaturire un cambiamento verso una società più giusta e migliore.

di Gabriella Romano

Previous articleIl mago dell'aria e il baraccone delle ombre", una favola divertente, moderna ed antica.
Next articleDoppio appuntamento con la cultura e lo spettacolo diretto da Carmen Percontra

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.