Home News A NAPOLI LA CERIMONIA DI CONSEGMA DEL PREMIO NAZIONALE DELL’ANPPE INTITOLATO A...

A NAPOLI LA CERIMONIA DI CONSEGMA DEL PREMIO NAZIONALE DELL’ANPPE INTITOLATO A GIUSEPPE SALVIA, VICEDIRETTORE DI POGGIOREALE UCCISO DALLA CAMORRA NEL 1981

343

Premiati gli appartenenti ai Corpi di Polizia dello Stato, alle Forze Armate, alla Polizia Locale ed ai Vigili del Fuoco che si sono particolarmente distinti a favore della comunità e delle fasce deboli

 

E’ in corso di svolgimento a Napoli, presso l’Aula Magna “Gaetano Salvatore” della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II (in via Pansini, 5), la cerimonia della prima edizione del Premio nazionale “Giuseppe Salvia”, organizzata dall’’Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria ANPPE e destinato agli appartenenti ai Corpi di Polizia dello Stato, alle Forze Armate, ai Vigili del Fuoco ed alla Polizia Locale che si sono particolarmente distinti a favore della comunità e delle fasce deboli.

 

Tra i premiati, c’è l’Assistente Capo coordinatore del Corpo di Polizia Penitenziaria che, mentre si stava recando in servizio nella Casa di reclusione di Aversa, ha disarmato un uomo armato con un coltello che seminava il panico tra i cittadini; il personale della Polizia di Stato della 3^ Sezione della Squadra Mobile e del Commissariato Vicaria-Mercato che, dopo una lunga attività info investigativa, hanno sgominato a Forcella una banda camorrista che imponeva il pizzo agli abitanti di un palazzo; il vice brigadiere dei Carabinieri in servizio al Nucleo Radiomobile che a San Giorgio A Cremano salvò da un brutale selvaggio una minorenne aggredita da trenta coetanei.

 

Ma anche i militari della Guardia di Finanza del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria che hanno sgominato un imponente traffico illecito da parte di un gruppo criminale contiguo ad un clan camorristico egemone nella provincia di Napoli, le Agenti della Polizia Locale di Napoli che hanno tratto in salvo una neonata di soli due mesi che stava per abbandonare e quelli che hanno salvato la vita ad una donna caduta accidentalmente in mare; l’Ufficiale pilota dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli che, nell’emergenza umanitaria determinata dalla rapida avanzata dei talebani in Afghanistan, ha garantito l’evacuazione di oltre tremila persone dall’aeroporto di Kabul; il Vigile del Fuoco che a Caserta ha salvato dal suicidio un uomo in stato di forte agitazione e il Capitano di Vascello, comandante del Quartier Generale Marina, per le attività in favore dei giovani diversamente abili e di quelli coinvolti nell’area penale e per avere rafforzato i legami della Marina Militare con la città di Napoli.

 

E’ una manifestazione molto emozionante e coinvolgente, fortemente voluta dall’Associazione di Polizia ANPPE per onorare il sacrificio e l’impegno svolto dal Giuseppe Salvia, ucciso dalla criminalità organizzata proprio il 14 Aprile del 1981 sulla Tangenziale di Napoli mentre era di ritorno a casa dal lavoro: un lavoro duro e difficile, che ha sempre svolto con coraggio, fedeltà ed alto senso del dovere, senza condizionamenti”, spiega il Presidente nazionale Donato Capece. Salvia “fu ucciso per ordine del boss della camorra, Raffaele Cutolo. Salvia stoppò l’ascesa al potere dall’interno del carcere del boss, detto ‘o professore, e fu per questo che, mentre era alla guida della sua auto senza nessuna scorta, Salvia venne ucciso. Aveva 38 anni, una moglie, Giuseppina Troianello e due figli, Antonino e Claudio, che sono oggi qui con noi.

 

Agli organizzatori del “I° Premio nazionale Giuseppe Salvia” sono pervenute dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, la Medaglia della Presidenza della Repubblica italiana, e dal presidente del Senato, Ignazio La Russa, la Medaglia di rappresentanza del Senato della Repubblica, mentre la cerimonia ha tra gli altri ottenuto i patrocini dei Ministeri della Giustizia, dell’Interno, della Difesa e della Regione Campania.

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here