Home Cultura Centro Giorgio La Pira: gli eventi in programma per un appassionato trentennale

Centro Giorgio La Pira: gli eventi in programma per un appassionato trentennale

1924

Pomigliano d’Arco – Trenta le candeline sulla torta su cui il Centro Giorgio La Pira di Pomigliano d’Arco dovrebbe soffiare se fosse una persona per festeggiare questo suo speciale “compleanno”. Sì, trenta. Ne avevamo già parlato in ottobre: trent’anni di impegno, perseveranza e passione per questa tenace associazione laica di ispirazione cristiana nata ad Assisi il 27 ottobre del 1986. Un’associazione e una biblioteca che operano nel territorio sui fronti più disparati sempre all’insegna di valori incontestabili come il dialogo, il confronto e l’accoglienza.

In questo panorama il Centro La Pira ha deciso, come ne dà annuncio il presidente Mimmo De Cicco, di onorare il traguardo raggiunto dando avvio a un vero e proprio anno lapiriano contraddistinto da un programma ricco di sorprese. Una maratona che avrà inizio questo dicembre e terminerà nel mese di novembre del 2017. Filo conduttore del percorso sarà la tematica “Popoli in cammino… verso la speranza”.

“I motivi che ci hanno spinto a intraprendere questo viaggio sono fondamentalmente due. Il primo riguarda il nostro essere Lapiriani. Tutti sappiamo quanto cara a La Pira fosse la questione Mediterranea. Secondo motivo è legato al fatto che la migrazione dei popoli non rappresenta più una emergenza ma un dato strutturale della modernità” ha spiegato lo scorso settembre Mimmo De Cicco. E quale miglior momento per soffermarci a riflettere su questi argomenti se non a partire dal periodo natalizio? Non perché “a Natale si debba essere tutti più buoni” come vorrebbe anche un noto spot pubblicitario. Non per costume, facciata o ipocrisia. Semplicemente per riscoprire il Natale nel suo originario significato religioso e non come mera festa consumistica. Fosse anche solo per viverlo, dal punto di vista antropologico, come “un giorno di scambio di messaggi profondamente umani”.

Il calendario avrà dunque inizio con “Natale al Centro/30”. A seguire diversi appuntamenti nel 2017 a proposito dei quali è già possibile dare qualche anticipazione:

1) Nei mesi di marzo, aprile e maggio ci sarà “È sbocciato un libro”, la XII Edizione della Rassegna del libro per Ragazzi, questa volta incentrata sul tema “Lavori in corso”. In occasione della Rassegna avranno luogo una Mostra dei libri, attività annesse e l’inaugurazione della nuova Biblioteca “I care”. Soprattutto si avrà modo di incontrare di persona molti di coloro che alla fine degli Anni ‘80 contribuirono alla nascita della Biblioteca dei Ragazzi e che oggi sono adulti. Parliamo degli stessi Bambini e Ragazzi che ebbero l’opportunità di vivere l’esperienza di un’Associazione e di usufruire di una Biblioteca a loro dedicata. Bambini e Ragazzi che oggi sono chiamati a testimoniare quanto tutto ciò abbia significato nelle loro vite.

2) Imperdibile l’Alternanza Scuola-Lavoro che, grazie a dei giovani volontari della Biblioteca, verrà ad esempio offerta ad alcune classi dei licei pomiglianesi “S. Cantone” e “M. Serao”.

3) Tanti incontri formativi e informativi, approfondimenti, Libroforum, Cineforum e gli Incontri del primo giovedì di ogni mese “Persone e parole”.
Particolare respiro sarà concesso alla “Cattedra Lapiriana – spiega De Cicco – per far conoscere agli uomini del nostro tempo e del nostro territorio un profilo sostantivo del Novecento”.

4) Dal 22 al 25 aprile è in programma un viaggio in Umbria, mentre in estate verrà portata avanti la consuetudine del progetto “Estate insieme in Giardino”.

5) Non verranno messi in ombra alcuni anniversari importanti come il cinquantesimo della pubblicazione dell’Enciclica di Paolo VI sullo sviluppo dei popoli e della persona umana “Populorum Progressio” (26 marzo ‘67), il cinquantesimo della morte di Don Lorenzo Milani (“L’uomo del futuro”, 26 giugno ‘67) e il quarantesimo della morte dello stesso Giorgio La Pira, l’uomo dell’”Abbattere i muri e costruire i ponti” (5 novembre ’77).

6) L’anno Lapiriano si concluderà dal 27 ottobre al 5 novembre 2017 con “I giorni della montagna” a fine estate e una “Mostra per immagini” sui trent’anni del Centro.

Si chiuderà così l’anno lapiriano, con la speranza tuttavia che tali eventi consolidino l’apertura a un nuovo flusso di conoscenze e coscienze, nonché a un sano spirito di condivisione e confronto.

Di Valentina Mazzella

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here