Home Cultura COMICON NAPOLI, già le date del 2024: pregi e difetti dell’edizione 2023

COMICON NAPOLI, già le date del 2024: pregi e difetti dell’edizione 2023

4078
Dal profilo Instagram del COMICON (@comiconitalia)

NAPOLI – L’edizione del 2023 è terminata da appena una settimana, ma sono già disponibili le date della prossima edizione. L’anno venturo il COMICON di Napoli si terrà dal 25 al 28 aprile 2024, di nuovo presso la fantastica Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta (NA). La speranza è che in questo modo l’organizzazione dell’evento colga l’occasione per coordinare al meglio la fiera. Magari imparando dagli errori che purtroppo, di anno in anno, sono spesso recidivi. A distanza di giorni, infatti, il popolo dei “comiconiani” (il simpatico nome dei visitatori abituali del COMICON) vive ancora gli strascichi dell’entusiasmo che la manifestazione permette ogni volta di assaporare. Tuttavia non mancano anche considerazioni e polemiche sui disagi in cui l’evento purtroppo inciampa. 

In primis spiace essere venali, ma bisogna spendere due parole sul costo dei biglietti e soprattutto dell’abbonamento i cui prezzi sono lievitati vertiginosamente senza che questo sia stato ricompensato con un aumento della qualità dei servizi. Negli anni precedenti il COMICON di Napoli si avviava progressivamente ad assumere sempre di più l’aspetto di una fiera dal guizzo internazionale. Quest’anno gli ospiti – per quanto graditi e apprezzabili – non erano particolarmente ricercati. Molti erano soprattutto content creator o comunque artisti dal profilo molto più basso rispetto alla fama di personaggi che hanno partecipato alla fiera nelle precedenti edizioni.

Foto di Valentina Mazzella.

Saggia è stata la scelta di ampliare gli spazi della Mostra d’Oltremare messi a disposizione per la fiera. Considerando l’elevatissimo numero di visitatori, la decisione si è rivelata un ottimo pregio. Sebbene questo abbia forse reso la visita alla fiera più dispersiva. Anche tra il pubblico, stranamente, si respirava meno sinergia rispetto all’edizione 2023. Si tratta tuttavia di un aspetto indipendente dall’organizzazione dello staff del COMICON.

In ultimo non sono purtroppo mancati file estenuanti e disagi di varia natura. Ad esempio mal gestito è stato l’ingresso dei fan all’Arena Flegrea per assistere al concerto di Cristina D’Avena giovedì 29 aprile. Per legittimi motivi di sicurezza, l’arena era satura e si è avvertita la giusta esigenza di arginare gli ingressi. Tuttavia le modalità scelte e la gestione del flusso in entrata e in uscita sono stati parecchio contestabili. Sarebbe stato ad esempio avveduto introdurre sin dal mattino un sistema analogo a quello dei ticket per l’Auditorium. Non sbarrare l’accesso a visitatori in attesa anche quando parte del pubblico dell’arena era in uscita. Ad ogni modo anche questa edizione è andata e non resta che attendere la prossima, nella fiduciosa speranza che si tragga lezione dai disservizi del 2023.

Di Valentina Mazzella

 

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here