Home News COSY4YOU: TURISMO ACCESSIBILE A NAPOLI

COSY4YOU: TURISMO ACCESSIBILE A NAPOLI

1414

NAPOLI. Si è svolta ieri, 12 marzo, presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo,  la conferenza stampa per il turismo accessibile in Campania.

L’associazione di volontariato Peepul dalla parte dei disabili, nell’ambito della Call For proposal- Grant Programme 2013 della Commissione Europea ed in collaborazione con il Comune di Napoli ha presentato COSY4YOU (Confortable and Easy for You), un progetto no profit nato per garantire il diritto al turismo per tutti e che ambisce a rendere la Campania una meta turistica facilmente accessibile per le persone con bisogni speciali.

Il progetto, finanziato dalla Commissione Europea, è realizzato in partenariato con il Comune di Napoli ed alcuni tour operators che promuovono il progetto del turismo accessibile, tra cui Flag srl, Aritur srl, Airon Tour srl, Emmegi srl ed Ischia Business.

Alla conferenza sono intervenuti la Presidente dell’associazione Peepul Onlus, Ileana Esposito, l’Assessore alla Cultura e Turismo di Napoli, Nino Daniele, La responsabile task force Commissione Europea in streaming, Antonella Correra ed il dott Fabrizio Cantella, responsabile Marketing e Sviluppo Airontour.

Il progetto “Cosy for you” nasce dalla volontà dell’associazione di volontariato Peepul di raccogliere e valorizzare le esperienze pregeresse nell’individuare le strutture accessibili, costruire attorno ad esse e di comunicare percorsi turistici che permettono a tutti di accedere alle bellezze che offre la città di Napoli e la regione Campania.

Lo scopo è quello di coinvolgere le istituzioni, gli operatori, le aziende, gli imprenditori ed i commercianti che operano su questi territori e che vogliono entrare nella rete progettuale, sostenendola e determinando la diffusione della conoscenza e delle informazioni sull’offerta turistica accessibile, il miglioramneto della qualità dell’accoglienza ed il potenziamento delle competenze degli operatori in termini di accoglienza e accessibilità nella catena dell’offerta turistica.

Il progetto realizza dunque attività di mappatura completa di strutture, servizi quotidiani, siti culturali e destinazioni turistiche, attività effettuata da giovani esperti qualificati e sulle esigenze di accessibilità rilevate utilizzando interviste sul campo.

Il monitoraggio e l’analisi dei punti accessibili per ogni esigenza di mobilità e creazione di nuovi itinerari sarà dato attraverso l’utilizzo di un ‘applicazione mobile e del portale web. La formazione gratuita e la diffusione della cultura del turismo accessibile è affidata invece a personale altamente qualificato in grado di soddisfare le particolari esigenze dei turisti.

Il marketing e la promozione con il supporto di tutti i partner di progetto prevede invece la creazione di info-punti come DMO-Destinazione Managment Organizzazione, che saranno utilizzati anche per la diffusione di buone pratiche e per favorire il mainstreaming nel settore del turismo.

La comunicazione e la diffusione dei risultati del progetto e degli itinerari creati avverrà attraverso canali innovativi, in particolare il web e gli strumenti di comunicazione pubbliche relazioni attraverso incontri di presentazione.

 

 

Previous article“L’educazione vale più della ricchezza”, ma a che prezzo?
Next articleFesta del papà, a Napoli si inventa il gelato alla zeppola di San Giuseppe

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.