Home Cultura “Degas il ritorno a Napoli”: ultimi giorni per visitare la mostra dedicata...

“Degas il ritorno a Napoli”: ultimi giorni per visitare la mostra dedicata al pittore delle ballerine

555
Foto di Valentina Mazzella.

NAPOLI – Noto al grande pubblico soprattutto come “il pittore delle ballerine”, Edgard Degas è ancora per alcuni giorni in mostra a Napoli fino al 10 aprile. La mostra dal titolo “Degas il ritorno a Napoli” è allestita presso Sala del Refettorio del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore. L’iniziativa vuole celebrare l’artista attraverso tre percorsi tematici attenti a valorizzarne la biografia e la carriera artistica.

Il primo corridoio è arricchito da una ricca collezione di fotografia private dell’epoca che ripercorrono la vita di Edgar Degas a cavallo tra Parigi e Napoli. Il pittore francese soggiornò, infatti, a lungo nella città partenopea come ospite del nonno che viveva presso Palazzo Pignatelli di Monteleone in Piazza del Gesù Nuovo. Non a caso da giovane, per un breve periodo di sei mesi, l’artista frequentò anche l’Accademia delle Belle Arti.

Foto di Valentina Mazzella.

Il secondo corridoio è quello dedicato ai grandi argomenti affrontati con frequenza da Degas nelle sue opere. Le celeberrime ballerine, donne nude e cavalli erano soggetti ricorrenti nel suo accurato studio e approfondimento del movimento. I visitatori possono qui apprezzare disegni, bozzetti e litografie originali dell’autore.

L’ultimo spazio è quello che offre la visione di alcune opere degli artisti amici e colleghi di Degas, quelli che influenzarono la sua arte e altri che ne furono ispirati e a loro volta influenzati. Non mancano all’appello litografie originali di Eugène Manet, Paul Cézanne e Pablo Picasso. Una mostra delicata per ripercorrere un tratto importante della storia dell’arte e riscoprire il genio di uno dei grandi padri dell’impressionismo francese.

 

Testo e galleria fotografica di Valentina Mazzella:

Paul Cézanne.
Pablo Picasso.

 

 

 

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here