Home Cultura “Democrazia sotto assedio” di Emiliano Brancaccio: il noto economista incontra il pubblico...

“Democrazia sotto assedio” di Emiliano Brancaccio: il noto economista incontra il pubblico per il Lab SPeS del Centro La Pira

726

POMIGLIANO D’ARCO – “Bisognerebbe avviare un lavoro comune di lunga lena, mettere all’opera un’intelligenza collettiva che nel tempo contribuisca a una lettura scientifica del presente, a una ferrea critica dell’ideologia prevalente e magari, in prospettiva, a un coordinamento delle lotte di emancipazione sociale”: parole su cui riflettere con cui il Lab SPeS (Laboratorio Sviluppo Politica e Solidarietà) invita il pubblico a un interessante incontro che si terrà giovedì 9 giugno presso il Centro Giorgio La Pira alle ore 18:00. In occasione dell’appuntamento Emiliano Brancaccio dialogherà con Sergio Beraldo, professore di Economia politica presso la Federico II di Napoli. 

Brancaccio è un economista, un accademico e un saggista. Classe 1971, è professore associato di politica economica presso il dipartimento DEMM dell’Università del Sannio di Benevento. Autore del saggio “Democrazia sotto assedio – La politica economica del nuovo capitalismo oligarchico, 50 brevi lezioni” (casa editrice Piemme), presenterà il libro rispondendo anche alle domande dei presenti.

Locandina dell’evento presso il Centro Giorgio La Pira di Pomigliano D’Arco.

Nel volume Brancaccio analizza il modo in cui, nonostante l’alternarsi delle alleanze politiche, la realtà economica resti di volta in volta immutata. Nonostante i salti da Trump a Biden, da Conte a Draghi fino al “governo dei migliori”, non si avvertono mai concreti cambiamenti. Quasi “tutto cambia perché nulla cambi”: eppure non dovremmo vivere ne “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Le contraddizioni della crisi pandemica, climatica e sociale sono sempre più frequenti e si aggravano. Diventa sempre più impellente la necessità di attuare una vera “rivoluzione” del sistema.

Emiliano Brancaccio regala così al lettore cinquanta brevi lezioni sull’ideologia alla base delle attuali scelte politiche. Dà voce a innumerevoli argomenti: una finanza fuori controllo, l’assalto al mondo del lavoro, le controversie sulla moneta unica e le cause profonde del declino italiano. Uno spazio di riflessione è aperto all’ascesa del “liberismo xenofobo” e alle conseguenze economiche della pandemia da Covid19.

Emiliano Brancaccio.

L’autore si contraddistingue per il suo linguaggio divulgativo e la capacità con cui dilania il pensiero economico dominante. La sua critica è spietata. Le due doti sono fra l’altro riconosciute anche dagli stessi avversari dialettici. Ha una visione alle volte considerata eretica dell’economia e della società contemporanea, ma pur sempre scientifica. Propone una prospettiva indispensabile per non essere travolti dalle onde del capitalismo liberaldemocratico.

In fondo Marx aveva previsto tutto quando intuiva l’esistenza di una tendenza oligarchica che ci avrebbe condotto alla realtà di oggi in cui nel capitalismo contemporaneo i pesci grandi divorano i pesci piccoli. Accade che il potere è sempre più di frequente concentrato nelle mani di un ristretto numero di “padroni del mondo”. La competenza viene strumentalizzata come pretesto per rendere possibile ciò, mettendo la democrazia in pericolo. Da qui il titolo “Democrazia sotto assedio”. Un concetto condiviso anche da Daron Acemoglu, uno degli economisti più noti del momento.

Di Valentina Mazzella

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here