Home News Derby dei vulcani ad alta quota, prova di maturità per il Napoli....

Derby dei vulcani ad alta quota, prova di maturità per il Napoli. Bellobuono: “Colini mi ha aiutato, non vogliamo fermarci”

84

Diciassettesima giornata del campionato di serie A New Energy. Gli azzurri giocheranno domani (mercoledì) alle ore 16.00 al PalaCatania in trasferta contro la Meta Catania. La gara, come sempre, sarà visibile sul sito FutsalTv.it registrandosi con username e password.

Il Napoli, dopo aver conquistato tre successi di fila, di cui due in casa, è chiamato a dare continuità a questo strepitoso momento di forma e di risultati. Sembra aver trovato la giusta alchimia in campo: una squadra equilibrata che riesce a contenere meglio le avanzate offensive degli avversari e ad essere più cinica in attacco. Rientrano gli squalificati Colletta e Salas.

Di fronte i partenopei avranno un avversario davvero ostico, la terza forza del campionato che dista una sola lunghezza. Il match di Aversa è terminato 1-1: gli azzurri, in vantaggio per tutta la gara, sono stati rimontati a due giri di lancette dal suono della sirena. Gli etnei, seppur hanno vissuto una prima parte di stagione di alti e bassi senza riuscire, fatta eccezione delle prime gare, ad essere continui per tutto il girone di andata, restano una compagine dall’alto tasso qualitativo e tra le pretendenti per la vittoria finale. Il bomber è l’ex Luis Turmena con 11 reti messe a segno, seguono Podda a quota 9, Dian Luka (altro ex) e capitan Musumeci a 8. Pulvirenti, Rocha e Bocao le altre pedine fondamentali nel roster di mister Juanra.

La sfida sarà diretta da Giovanni Zannola (Ostia Lido) e Simone Zanfino (Agropoli), al cronometro Bartolomeo Burletti (Palermo).

Queste le parole in conferenza stampa di Jurij Bellobuono: “Abbiamo fatto tre vittorie consecutive che ci hanno dato tanto morale e unito. Ora affrontiamo un’altra squadra forte, vogliamo limare i dettagli per vincere la gara di domani. Il mister non mi ha mai chiuso la porta, mi ha sempre dato fiducia e ad oggi, se c’è un passo in avanti della squadra, è solo grazie a lui e al suo lavoro. Non mi prendo alcun merito, continuo a lavorare a testa bassa. Le scosse mentali ti aiutano a far capire dove sbagli, non giocare alcune partite mi ha aiutato tanto. Siamo una grande squadra, un gruppo nuovo ma stiamo crescendo e, infatti, abbiamo raggiunto la seconda posizione. Abbiamo una forte identità, i nuovi innesti ci hanno dato una grossa mano. La classifica è corta, abbiamo due squadre dietro ad un solo punto. Contro il Catania faremo la nostra partita con la speranza di tornare con un risultato importante”.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here