Home Cultura "ENCERRADOS": 74 CARCERI DEL SUD AMERICA

"ENCERRADOS": 74 CARCERI DEL SUD AMERICA

1681

NAPOLI – “La fotografia per me è indagine, possibilità di approfondire e svelare, fa emergere situazioni che si conoscono poco o che per qualche motivo vengono nascoste”, le parole di Valerio Bispuri, fotoreporter e giornalista romano, autore del libro presentato anche a Napoli, presso la casa circondariale di Poggioreale.Il progetto l’ha impegnato per 10 anni in cui ha visitato la maggior parte delle carceri dell’America latina: Colombia, Argentina, Venezuela, Cile, Brasile, Ecuador, Bolivia, Perù ed Uruguay.
La scelta di raccontare le prigioni è stata voluta perché attraverso di esse si racconta la cultura, le difficoltà e le speranze di un popolo.
“Encerrados” è un’ indagine sul mondo carcerario e sul Sudamerica, un lavoro di denuncia per mostrare le condizioni inumane in cui versano i prigionieri, ma anche un lavoro antropologico, iniziato nel 2002 e terminato nel 2011, è stato esposto al più rinomato festival di fotogiornalismo mondiale, il Visa Pour l’Image di Perpignan a Berlino.
Tutte le fotografie sono in bianco e nero e gli scatti mostrano immagini crude, talmente inverosimili da sembrare un incubo.
Dalle celle viene fuori la sporcizia, l’odore stantio, la poca luce e le gerarchie di comando tra i detenuti, in particolare il fotoreporter visita il famigerato Padiglione 5 del carcere argentino di Mendoza, quello che ospita i 90 più pericolosi criminali del paese. Un luogo di gente ammassata, cadente, sporco di rifiuti ed escrementi, finanche animali morti.
Dopo la pubblicazione delle foto, grazie a Bispuri e ad una campagna di Amnesty International, l’area ha chiuso ed è stata rasa al suolo.
Nella città di Napoli, così come in altre città italiane l’argomento carceri è sempre alla ribalta, tra indulti, concessioni o meno di grazie, strutture non conformi e soprattutto sovraffollate, la conferenza ha riscosso notevole successo, è stata molto attiva la partecipazione dei detenuti che si sono sentiti coinvolti ed hanno accolto bene Bispuri ed il suo entourage.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here