Home Napoli INAUGURAZIONE CORTILI INTERNI 39° CIRCOLO DIDATTICO GIACOMO LEOPARDI

INAUGURAZIONE CORTILI INTERNI 39° CIRCOLO DIDATTICO GIACOMO LEOPARDI

68

Sono stati inaugurati oggi i cortili interni dello storico 39° Circolo Didattico Giacomo Leopardi, tornati fruibili dopo dieci anni grazie ad una bella sinergia tra l’Istituto e l’Amministrazione locale che ha consentito di utilizzare finanziamenti nazionali ed europei per restituire uno spazio esterno di grande importanza alla scuola che è una delle prime istituite in città.  Dopo le restrizioni della pandemia vissute senza poter mai utilizzare gli spazi esterni, la Dirigente scolastica e le Amministrazioni locali hanno intrapreso la ricerca dei fondi necessari per mettere in sicurezza i cortili e restituirli alla comunità scolastica.

Grazie al  PATTO PER NAPOLI sono stati effettuati i lavori di rifacimento e messa in sicurezza delle facciate conclusi  a settembre 2023 e, a completamento dell’opera, è stata rifatta anche la pavimentazione dei cortili con erba sintetica. Uno dei cortili è stato quindi attrezzato dalla scuola con orti didattici, serre innovative e sostenibili realizzati grazie a fondi europei FESR Edugreen.. L’altro cortile, invece, è stato attrezzato con pista di atletica e campetto di calcio e sarà utilizzato per attività ludico-sportive.
“Abbiamo un grande piano di ristrutturazione di tutta l’edilizia scolastica della città, è un lavoro che stiamo facendo con grande intensità in maniera che i nostri ragazzi, dai bambini più piccoli fino ai ragazzi più grandi, possano usufruirne in tempi rapidi – ha sottolineato il Sindaco Gaetano Manfredi –  Oggi vengono aperti i cortili interni della scuola Leopardi che erano chiusi da più di 10 anni e che sono stati completamente ristrutturati, creando degli spazi per lo sport, per la socialità, per l’educazione, con degli orti didattici, quindi c’era una grande attesa da parte della comunità scolastica e questo è un altro piccolo passo di questo percorso concreto che consentirà a Napoli di avere delle scuole all’altezza della sua dignità e soprattutto di dare spazi scolastici qualificati e sicuri ai nostri ragazzi e agli operatori del settore”.

“Lo sport, le attività motorie, sono la base di ogni processo di crescita dei bambini, quindi dare questi spazi all’aperto è fondamentale; tra l’altro fanno parte integrante delcurriculum educativo – ha aggiunto l’assessore all’Istruzione e alle Famiglie Maura Striano –  Questo è l’esito di un percorso lungo, con un finanziamento importante del Comune di 400.000 euro, che ha consentito di rifunzionalizzare una serie di spazi della scuola e, ultimamente, anche gli spazi esterni”.

“Oggi per noi è un grande traguardo, dopo 10 anni di chiusura, finalmente inauguriamo le due corti interne alla Scuola – ha detto la Dirigente Scolastica Albina Arpaia – il nostro è un istitutostorico del quartiere Fuorigrotta che serve bambini dai 3 ai 10 anni che fino ad oggi non avevano possibilità di avere spazi all’esterno per attività didattica o anche semplicemente per la ricreazione. E’ stata una bella conquista fatta tutti assieme per il bene dei bambini. Siamo riusciti a sbloccare quasi 400mila euro dei fondi del Patto per Napoli grazie ai quali abbiamo rifatto i cortili, poi la municipalità ha messo i fondi per il manto erboso in erba sintetica e poi grazie ai fondi europei Ecogreen sono riuscita a realizzare nei due cortili anche un orto didattico, un campo di calcetto ed una pista di atletica”.

“E’ un momento molto bello e particolare – ha concluso la Presidente del Consiglio Comunale Enza Amato intervenuta con il consigliere Walter Savarese ed il Presidente della Municipalità 10 Carmine Sangiovanni- questa è una delle scuole storiche della decima Municipalità e restituire questi spazi esterni a tutta la comunità è un obiettivo raggiunto molto importante. Questa Amministrazione sta dando particolare attenzione alla riqualificazione degli edifici scolastici anche con l’aggiudicazione di importanti progetti coi fondi del PNRR grazie ai quali stiamo restituendo alla fruizione dei più piccoli tanti spazi che prima erano negati”.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here