Home Cronaca Napoli: Rapina Finita In Tragedia. Arrivano Le Immagini Shock

Napoli: Rapina Finita In Tragedia. Arrivano Le Immagini Shock

1532

NAPOLI – A quasi un mese dall’accaduto circolano in rete immagini da brividi, chiare e complesse al tempo stesso, di ciò che è successo lo scorso 10 Agosto a Posillipo.

Tutto accade in quei pochi secondi, la rabbia di chi ha subìto una rapina, l’incoscienza di chi preferisce inseguire invece che chiamare le forze dell’ordine da un lato; ma anche la fuga di due giovanissimi presunti malviventi che vengono speronati e uccisi dall’uomo che aveva subito l’umiliazione di una rapina davanti alla propria donna in un momento di intimità.

Pochi secondi che incrociano, sovrappongono e rovinano quattro vite in modo irreversibile.

Pochi secondi, frame di un inseguimento partito dalla rotonda del Parco Virgiliano e che termina presso Palazzo Donn’Anna, che porteranno la Smart guidata dal trentenne Leonardo Mirti, a travolgere ed uccidere Emanuele Scarallo e di Alessandro Riccio in fuga a bordo dello scooter.

Pochi maledettissimi secondi che si portano dietro un mare di domande; l’autista ha speronato volutamente lo scooter di Scarallo e Riccio? L’ha fatto solo per dare una lezione ai due banditi o l’ha fatto per uccidere? È questione di valutazioni.

Al momento c’è un provvedimento di arresti domiciliari emesso lo scorso agosto dal gip Umberto Lucarelli a carico di Mirti: per il gip vale l’ipotesi di omicidio preterintenzionale.

Grazie alle immagini riprese dalle telecamere, i penalisti Claudio La Rosa e Giuseppe Bartolo Senatore, difensori di Leonardo Mirti punteranno a dimostrare ben altra tesi, vale a dire quella dell’omicidio colposo: Mirti non voleva uccidere, né ha tentato di speronare i due centauri, ma li avrebbe tamponati in una fase di paura e concitazione, per poi perdere completamente il controllo del mezzo, uccidendo due giovanissimi ma rischiando anche di subire gravi ferite dopo lo scontro.

 

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here