Home Cronaca Eternit bis: condannato a 12 anni Stefan Schmidheiny. Maipiuamianto, sentenza importante

Eternit bis: condannato a 12 anni Stefan Schmidheiny. Maipiuamianto, sentenza importante

585

Il magnate svizzero, patron dell’Eternit, condannato per omicidio colposo per le 392 morti di Casale Monferrato

Arriva la condanna per l’industriale svizzero Stephan Schmidheiny a 12 anni di reclusione per le morti legate all’amianto (il reato è stato derubricato da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo). Questa la sentenza in Corte d’Assise di  Novara del processo Eternit bis per la morte di 392 persone, vittime dell’esposizione all’amianto nello stabilimento di Casale Monferrato. Schmidheiny è stato condannato anche a pagare 50 milioni di euro di risarcimento al Comune di Casale, 30 milioni allo Stato italiano e centinaia di milioni ai familiari delle vittime.

“Una sentenza importante, – commenta in una nota Giovanni Sannino, presidente di MaiPiuAmianto – anche se meritava di più, dopo che l’imputato è sempre sfuggito alla giustizia per cavilli giuridici e per avvenuta prescrizione, come nel 2014 e poi ancora nel 2022 al processo di Napoli, stabilendo una odiosa differenza tra chi è morto prima o dopo la data che fa scattare la prescrizione. Parliamo di morti per mesotelioma per aver lavorato nella stessa fabbrica”. “La battaglia per il riconoscimento della dignità delle tante vittime e dei tanti superstiti – aggiunge Sannino – non conosce confini territoriali, coinvolge tutti i luoghi dove per anni la fabbrica della morte ha spezzato vite umane e devastato interi territori. Una storia che ha visto una solidarietà e una vicinanza tra i quattro stabilimenti di Casale, Reggio Emilia, Cavagnuolo, Bagnoli, mortificata da una giustizia “ingiusta” e dai silenzi delle Istituzioni.”.

“Anche qui a Napoli – ricorda Sannino – la sentenza scandalosa del 6 aprile 2022 che ha visto lo svizzero farla franca con una minima condanna a 3 anni e mezzo per il capo di imputazione per una sola delle 8 vittime e con la consueta prescrizione arrivata puntualmente per il declassamento da omicidio volontario a omicidio colposo, è stata vissuta nel silenzio assordante di Comune e Regione quasi a ritenere quel processo un fatto privato tra vittime e carnefice. Eppure nel 2014 con la costituzione parte civile della Giunta Regionale guidata da Antonio Bassolino questo legame lo si affermò e fu importante anche il contributo della Giunta Comunale guidata da Rosa Russo Iervolino per recuperare in appello la condanna anche per il sito di Bagnoli (assolto in primo grado)”.

“Questa sentenza – conclude Sannino – può e deve essere l’occasione per dare una diversa conclusione alla vertenza giuridica/industriale, al crimine d’impresa compiuto, riaffermando le responsabilità dell’imprenditore che non ha avuto scrupoli nell’accumulare profitto sulla pelle di lavoratrici e lavoratori e delle loro famiglie, oltre che sul piano morale e umano, anche sul quello civilistico e sociale. Anche per attuare quanto necessario per bonificare il territorio regionale inquinata da tonnellate di amianto. Sarebbe significativo che Comune e Regione ascoltassero chi da anni sta portando avanti questa battaglia nonostante gli esiti processuali a dir poco discutibili. L’associazione MaiPiuAmianto, avvalendosi dell’assistenza dello Studio Di Celmo che segue la vicenda fin dalle prime battute, è disponibile ad un approfondimento e a condividere le determinazioni istituzionali in accoglienza della richiesta di riesame”.

 

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here