Home Cultura La jettatura napoletana

La jettatura napoletana

224

π‘©π’†π’π’—π’†π’π’–π’•π’Š 𝒂𝒍 𝒏𝒖𝒐𝒗𝒐 π’‚π’‘π’‘π’–π’π’•π’‚π’Žπ’†π’π’•π’ π’…π’Š β€œπ‘΅π’‚π’‘π’π’π’Š: π‘Ίπ’•π’π’“π’Šπ’‚, π’‚π’π’†π’…π’…π’π’•π’Š 𝒆 π’„π’–π’“π’Šπ’π’”π’Šπ’•π’‚β€™β€.

“La Cicalata sul fascino” Γ¨ un saggio del 1787 del giurista napoletano Nicola Valletta, opera caposcuola degli studi sulla superstizione e capostipite di un filone che, nel pieno Illuminismo napoletano, fiorisce intorno alla credenza della jettatura.

La parola napoletana jettatura (dal latino iactare, cioè gettare) risale al XVII secolo e indica la capacità di alcune persone (iettatori) di gettare il malocchio, cioè di recare ad altri la mala sorte attraverso lo sguardo.

Malocchio e jettatura sono termini erroneamente usati come sinonimi, ma vi sono enormi differenze. Il malocchio Γ¨ la fonte del male, mentre la jettatura Γ¨ il canale attraverso il quale il male giunge alla vittima.

Lo iettattore Γ¨ una figura tradizionale alla quale un pregiudizio attribuisce il potere di portare sfortuna. Nel 1841 Alexander Dumas traccia un profilo netto e concreto dello iettatore: “È di solito, magro, pallido, naso ricurvo e occhi da rospo sempre coperti da occhiali scuri”.

Lo iettatore viene anche definito uccello del malaugurio, in riferimento alle credenze secondo cui alcuni uccelli sarebbero messaggeri di sventura, in quanto si cibano di carogne.

La capitale della β€œjella” naturalmente Γ¨ Napoli. In nessun’altra cittΓ  per prevenire l’influenza si adoperano tanti amuleti o scongiuri. Le strade, le case e le botteghe ancora oggi sono tappezzate di corni, gobbi (β€˜o scartellato).

Il rimedio scaramantico piΓΉ efficace, a detta dei napoletani, Γ¨ il tipico gesto di toccarsi i genitali maschili. Esso risale agli antichi romani per i quali l’azione era simbolo di fertilitΓ  e prosperitΓ .

Se chi ora legge si sente un po’ in ansia, ovvero avverte di “tenere l’uocchie β€˜ncuollo”, l’astuzia partenopea ha trovato negli anni un rimedio infallibile! Recitate la seguente formula: β€œAglio, fravaglio e fatture ca nun quaglie, cap β€˜e alice e cap d’aglio. SciΓ² sciΓ², ciuccivΓ¨, esci fore da casa mia, truovete a n’ata cumpagnia” e, a completamento, una bella spolverata di sale grosso.

Saluti cordiali,

Pino Spera, Responsabile della Sezione Storia della Biblioteca I Care, Pomigliano d’Arco (NA).

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here