Home Cinema Blake Lively si scaglia contro la rivista italiana “Chi”: le figlie paparazzate...

Blake Lively si scaglia contro la rivista italiana “Chi”: le figlie paparazzate senza rispettare la privacy dei minori

516

CAPRI — Molti sul web hanno scherzato sul fatto che la notizia sembri degna di un multiverso: la famosa attrice americana Blake Lively si è scagliata — a dir poco furiosa — contro la rivista italiana “Chi”. Sui social non mancano i meme che riprendono le clip in cui l’artista interpretava il personaggio di Serena van der Woodsen nel celebre telefilm statunitense “Gossip Girl”, dal 2007 al 22012. Le didascalie recitano tutte, grosse modo, come Queen S sia pronta a farla pagare ad Alfonso Signorini. Naturalmente un tipo di umorismo che strappa il sorriso a chiunque conosca bene la serie cult. Al contrario la vicenda di cui Blake Lively è stata protagonista nelle ultime ore è tutt’altro che divertente.

La star è al momento in Italia per recitare in un nuovo film. Precisamente a Capri per girare il sequel di “Un piccolo favore” di Paul Feig. L’attrice gode alle spalle di una carriera professionale di tutto rispetto. In passato ha interpretato ruoli per il cinema in “4 amiche e un paio di jeans” (2005), “The Town” (2010), “Le belve” (2012), “Adaline – L’eterna giovinezza” (2015), “Café Society” (2016) di Woody Allen, “Paradise Beach – Dentro l’incubo” (2016) e altri titoli. Più volte con i suoi vestiti pazzeschi è stata la regina indiscussa del Met Gala di New York. Dunque non c’è da sorprendersi se una celebrità di questo calibro attiri l’attenzione di media, fan e fotografi durante il suo soggiorno sull’isola.

Tuttavia ci sono modi e modi per darle il benvenuto. L’attrice è stata paparazzata con le figlie James, Inez e Betty, nate dal matrimonio con l’attore Ryan Reynolds. In loro compagnia anche una tata e un barcaiolo che guida un motoscafo di lusso in modo che possano trascorrere una giornata di mare. Notoriamente la coppia hollywoodiana è estremamente riservata. Basti sapere che i due coniugi hanno insieme anche un quarto bambino di cui non è mai stato rivelato nemmeno il nome. Non solo. Nonostante i riflettori sempre puntati su di loro, sono riusciti a non mostrare mai i volti delle figlie in nessuna occasione. Questo almeno fino a ieri, quando il profilo Instagram ufficiale della redazione di “Chi” ha appunto condiviso degli scatti rubati alla famiglia. Foto in cui i volti delle bambine non sono stati nemmeno nascosti con dei pixel o altri escamotage.

Queste informazioni aiutano a contestualizzare e a comprendere la misura della rabbia di Blake Lively dinnanzi all’accaduto. Non è pertanto tardata la sua risposta. “Assolutamente no. Elimina ora questa spazzatura. Queste sono immagini di bambini che sono state scattate senza che noi lo sapessimo e senza il nostro consenso. Vergognatevi per aver condiviso queste fotografie. Sapete che non vi stavamo sorridendo o salutando, non vi abbiamo visto. Questa è una falsa rappresentazione e voi lo sapete. A chiunque sia disturbato da uomini adulti che perseguitano i bambini e vengono ricompensati per questo, smettete di seguire questo account”: ha tuonato in inglese l’attrice. I post sono stati così rimossi, ma a noi resta una riflessione.

È vero che, da manuale, i paparazzi rubano fotografie ai vip per rivendere ai magazine stralci della vita privata dei famosi. Però, allo stesso tempo, sappiamo anche che spesso ci siano taciti accordi tra riviste e manager per acconsentire alla costruzione di certi scoop. La legge circa il diritto alla riservatezza e i diritti di immagine dei personaggi pubblici in luogo pubblico, in queste circostanze, si presta alle volte a sottili interpretazioni. Ma c’è un punto su cui non ci piove: l’inviolabilità del diritto alla privacy per la tutela dei minori. E vale per tutti. Anche per i figli delle star internazionali. Anche se i volti dei minori sono già noti al grande pubblico.

Qui non si ciarla semplicemente di gossip. Parliamo di etica e di legge. Proprio in questo periodo si è discusso a lungo di questo argomento. È stato oggetto di interesse anche in Parlamento. A causa di varie circostanze, addirittura Chiara Ferragni e Fedez hanno smesso di mostrare sui social i figli di cui, fino a poche settimane fa, avevamo visto tutto. Incluse le ecografie. E oggi cosa accade? La testata di Alfonso Signorini fa uno scivolone del genere. Tra l’altro l’ennesimo di una lunga serie. Blake Lively ha fatto più che bene ad arrabbiarsi e la sua reazione da madre è comprensibile e legittima. 

Di Valentina Mazzella

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here