Home News Marciani: “Reti d’impresa determinanti per rilancio occupazione giovanile” Ciarambino: “900mila euro...

Marciani: “Reti d’impresa determinanti per rilancio occupazione giovanile” Ciarambino: “900mila euro per il Distretto del mare” Fiola: “Pronti 5 milioni per Distretti commerciali”

345

NAPOLI – “L’importanza delle reti d’impresa che in una città come Napoli sono determinanti per il rilancio dell’economia e l’attenzione per i borghi che possono caratterizzare la rivalutazione dei tanti pregi artistici e caratteristici che ci sono, costituiscono un tema fondamentale per la nostra città. Sia per avvicinare i giovani al mondo del lavoro che per portare avanti le nostre tradizioni come volano per l’economia”. Lo ha dichiarato Chiara Marciani (assessore al Lavoro del Comune di Napoli), intervenuta nel corso del convegno “Reti e Distretti produttivi. Strumenti e modelli organizzativi a sostegno dello sviluppo dei borghi e delle eccellenze napoletane”, promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Napoli presieduto da Eraldo Turi.

Il sostegno alle reti d’impresa è stato ribadito anche da Valeria Ciarambino (vicepresidente del Consiglio regionale della Campania): “Ho lavorato per accelerare il finanziamento dei distretti del commercio che sono una modalità di interazione pubblico-privato e dove il commercio si correla allo sviluppo urbano. Parimenti, ho contribuito al finanziamento per la realizzazione di un distretto del mare con 900mila euro. La ‘blu economy’ è un settore che nella nostra regione ha potenzialità enormi. Ma c’è un altro tema che mi sta a cuore ed è quello della valorizzazione delle eccellenze artigianali produttive del nostro territorio. Nell’ultima legge di bilancio – ha aggiunto Ciarambino – ho presentato un ordine del giorno, approvato all’unanimità, per rilanciare piazza Mercato che è stato il centro commerciale e culturale sin dall’epoca Angioina della nostra città, che ha vissuto un periodo di degrado, e invece rappresenta un’opportunità sia sotto il profilo di sviluppo delle attività produttive artigianali, penso al tessile e all’arte orafa, ma anche dal punto di vista di un ulteriore luogo per il turismo”.

Secondo Vincenzo Tiby (consigliere dell’Odcec di Napoli): “l’Ordine ha istituito una commissione apposita per favorire e promuovere le aggregazioni. Auspichiamo di avere risposte dalla politica su questi temi per proporre modelli organizzativi moderni ed efficienti, che oggi applichiamo ai borghi di eccellenze imprenditoriali napoletane, capaci di combattere il nanismo imprenditoriale fatto di tantissime micro imprese che necessitano di adeguate condivisioni di competenze”.

Marilena Nasti (consigliera dei commercialisti partenopei) ha sottolineato come “parlare di eccellenze d’impresa deve essere inserito nel percorso dei fondi del Pnrr che possono sostenere con diverse misure queste iniziative. Misure dedicate ai borghi e alle eccellenze campane che aiutano tanti territori a rivitalizzarsi e a rinascere”.

Far decollare i distretti commerciali è la priorità per Ciro Fiola (presidente della Camera di Commercio di Napoli): “Credo molto in questo strumento varato con legge regionale. Ma bisogna crederci. Noi siamo disposti a sostenere questo percorso con 5 milioni di euro. Ma serve uno sforzo economico maggiore da parte delle altre istituzioni. Solo così potremo far rinascere i borghi e le eccellenze della nostra regione”.

“Abbiamo un sogno nel cassetto – ha detto Gianni Lepre (presidente della commissione Reti e Distretti produttivi dell’Odcec Napoli) – quello di ridare vitalità ai borghi antichi del capoluogo campano. Quelli artigianali come Borgo Orefici, San Gregorio Armeno, piazza Mercato, il Rione Sanità che erano volano economico della nostra città e che devono rinascere attraverso botteghe aperte a turisti e botteghe scuola che diano la possibilità ai giovani di imparare mestieri antichi che sono il vanto del nostro made in Italy”.

Per Antonio Lopes (Svimez): “Più volte abbiamo sollevato il tema dell’importanza della rivitalizzazione delle aree interne che deve essere inquadrato in un più ampio disegno di politica economica con investimenti nei settori produttivi e nell’ambito delle infrastrutture di trasporto”.

Giovanni Tomo (presidente commissione Marketing territoriale Odcec Napoli) ha evidenziato, infine, che “Ci sono due leve strategiche come la coesione territoriale e l’analisi del contesto e dei territori, per dare attuazione piena alle politiche di marketing e di sviluppo”.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here